Ti sarà inviata una password per E-mail
MANTOVA | Bonelli Arte Contemporanea | 27 novembre 2011 – 8 gennaio 2012

Looking through the trees – A distorted diary 2010-2011 è un grande corpus d’opera, summa poetica e pittorica che potremmo paragonare a un visionario memoir. Realizzati nell’arco di un anno, i dipinti insistono su un pallido tonalismo e una linea ferma, decisa, che conferisce compattezza e solidità alle immagini. Esiste in esse un ferreo silenzio, una calma assoluta che proietta le figure e il paesaggio in atmosfere (e)statiche. Tutte le figure hanno zigomi dolci, rilassati, sereni; il loro sguardo è elusivo, fissano intensamente il vuoto, quasi presentissero o intravedessero qualcosa. Ma per loro “scrutare” vuol dire “frugare” dentro se stessi, come in uno scrigno.

Uomini e donne, vecchi e bambini sono impassibili, statuari: sono come cedri del libano, come sequoie immortali su cui attecchiscono gli oggetti – alla maniera dei muschi sulle cortecce degli alberi, o degli insetti invischiarsi nell’ambra. I veri protagonisti di queste opere sembrano essere gli oggetti. Oggetti d’affezione, del desiderio, del ricordo, che non hanno nulla a che vedere con l’utilità: essi esprimono soltanto se stessi. Siano essi utensili di cucina o attrezzi da carpentieri, reperti o cimeli, tutti in egual modo costituiscono un arsenale iconografico che agisce sull’animo e sulla coscienza. Si tratta di forme più soprasensibili che sostanziali, quasi incorporee – fluttuano, brillano, vibrano – lasciando sospesi nel dubbio anche le figure. Non meno destabilizzante è l’incoerenza prospettica, quell’a[nta]gonismo dei piani in cui agiscono diversi livelli di gravità.

Max Rohr rinuncia infatti a dipingere secondo l’intersezione della piramide visiva, rinnega la “scienza della visione” a favore di una prospettiva “scorretta e sproporzionata”, alla maniera dei pittori trecentisti. Ne nasce uno spazio contraddittorio, in cui il dentro si riversa nel fuori, il sopra nel sotto, il piccolo nel grande. Max Rohr non si limita ad autorappresentarsi ma a immedesimarsi nell’opera, adottando una forma includente che si pone al di là della cronaca e della cronologia. Grazie a un meccanismo di diversificazione e di alterazione della realtà, l’artista ci propone una cultura agronomica del ricordo (“ricordo disarticolato” di ciò che ha visto e ha vissuto). Le opere rispecchiano esattamente i suoi protagonisti: organismi affetti da semiofilia, ossia da una fuoriuscita di significati che finiscono per convertirsi in immagini e capaci di ramificarsi come cosa viva, vitale.

MAX ROHR
Looking Through the Trees
A Distorted Diary 2010-2011
a cura di Alberto Zanchetta
Bonelli ArteContemporanea
Via Corrado 34, Mantova

Inaugurazione sabato 26 novembre 2011 – ore 18.00
27 novembre 2011 – 8 gennaio 2012

Orari di apertura: dal venerdì alla domenica dalle 16.00 alle 19.30
Info:+39 0376 244769
info@bonelliarte.com
www.bonelliarte.com

CATALOGO vanillaedizioni

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi