Iscrivendomi a questo sito dichiaro di aver letto e accettato l’Informativa sulla Privacy.

Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | Dada East Gallery | Fino al 9 marzo 2017

di MATTEO GALBIATI

Presso Dada East Gallery, spazio diretto da Valentina Galimberti, in un periodo che resta a cavallo del duplice anniversario – centesimo della nascita e decimo della morte – di Mimmo Rotella (1918-2006), una mostra riunisce in dialogo-confronto, ma anche di diretta collaborazione con un’opera a otto mani, la fotografia di Maurizio Galimberti e l’arte pop-street del collettivo Italiancode (composto da Stefano Albertini, Luciano Bobba e Max Portale).

Maurizio Galimberti, Rotella, 2005, mosaico polaroid, Collezione privata

Maurizio Galimberti, Rotella, 2005, mosaico polaroid, Collezione privata

Le opere esposte riportano l’attenzione del visitatore da una parte sulla qualità peculiare e inconfondibile della ritrattistica di Galimberti, capace di cogliere i suoi soggetti in un mosaico di sfaccettature e caratterizzazioni sempre differenti che, per questo, nell’unità finale diventano forti nell’imprimere e trattenere la versatile manifestazione della personalità di chi si pone davanti alla sua macchina fotografica; dall’altra ci propone Italiancode che, appropriandosi del linguaggio street di Rotella, lo amplifica secondo un proprio codice espressivo che non si argina nel concettualismo dello “strappo”, ma si amplifica attraverso il collage e la stratificazione, l’inserimento di fotografie, gli interventi “graffittati” a bomboletta e, soprattutto, con il componimento ironico, lasciato sottotraccia, dei soggetti.

Maurizio Galimberti. Rotella ritrovato | Italiancode. Rotella ricodificato, veduta della mostra, Dada East Gallery, Milano Foto Francesca Romano

Maurizio Galimberti. Rotella ritrovato | Italiancode. Rotella ricodificato, veduta della mostra, Dada East Gallery, Milano Foto Francesca Romano

Il grande maestro del Nouveau Realisme viene seguito da Maurizio Galimberti nei suoi gesti, nelle sue trasformazioni e, in accordo con le sue stesse sperimentazioni e contaminazioni, concede al fotografo lo spunto per definirne un corrispondente e precipuo dinamismo del fare. Inoltre Rotella, lavorando con i manifesti cinematografici e amando molto il cinema, in questi scatti svela anche una velata ironia recitativa, mostrandosi truccato o emulando gestualità da grande schermo. Nella resa e lettura dataci da Galimberti, l’artista torna, comunque, a presentarsi monumentale nell’identità, tra pubblico e privato, intimo e personale, del suo pensiero e della sua anima.

Italiancode, Fiu Fiuuuuu Tiger, 2016, tecnica mista su tela, 100x100 cm

Italiancode, Fiu Fiuuuuu Tiger, 2016, tecnica mista su tela, 100×100 cm

Italiancode, invece, agisce sulla stessa materia delle opere che hanno reso celebre il lavoro di Rotella: incontriamo, infatti, la spessa carta dei manifesti cinematografici e pubblicitari. I tre artisti del collettivo non si limitano solo a strapparla, ma la assemblano, la compongono, la stratificano e su questa riversano altre e diverse codificazioni linguistico-artistiche che, con strumenti differenti, convergono sempre verso quel sapore “metropolitano” tipico dei loro vivaci lavori. Se la matrice può facilmente essere letta come rotelliana, il resto della loro analisi porta a contemplare una personificazione e personalizzazione decisiva nello stabilire l’autonomia che il loro messaggio assume.

Italiancode e Maurizio Galimberti, Stencil-ready-made-Rotella, 2017, tecnica mista su e polaroid su carta, 52x44 cm

Italiancode e Maurizio Galimberti, Stencil-ready-made-Rotella, 2017, tecnica mista su e polaroid su carta, 52×44 cm

Ironia, corrispondenze, citazioni, intrusioni, cancellazioni, stravolgimenti e contaminazioni di immagini, presenze, simboli e impressioni fanno acquisire a queste opere il ruolo di vere e proprie icone significanti che oltrepassano il concettualismo immobile del ready made grazie al loro fervido vitalismo distintivo del loro approccio aperto e libero.
A segnare una comune intenzionalità espositiva dei protagonisti di questo progetto espositivo abbiamo Stencil-ready-made-Rotella, un’opera realizzata da Galimberti e Italiancode congiuntamente che, di notevole impatto e intrigantissima, diventa il punto focale della coerente lettura che questi artisti hanno fatto, per percorsi e in tempi diversi, attorno alla figura e all’opera di Mimmo Rotella.
Altrettanto suggestiva è la testimonianza fotografica data da Enrica Cristoferi che riprende il backstage del lavoro di Galimberti con Rotella e l’altra di Francesca Romano che coglie il collettivo Italiancode nell’atto di creazione delle sue (loro) opere.

Maurizio Galimberti. Rotella ritrovato | Italiancode. Rotella ricodificato
a cura di Mariateresa Cerretelli e Renato Diez  

10 febbraio – 9 marzo 2017

Dada East Gallery
via Varese 12, Milano 

Orari: da martedì a sabato 11.00-19.00 e su appuntamento

Info: +39 02 63793318; +39 345 2997090
info@dadaeast.it
www.dadaeast.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi