Ti sarà inviata una password per E-mail
GENOVA | Palazzo Ducale | 18 luglio – 24 agosto 2014

Andrei Molodkin (Boui, Russia, 1966) – artista che ha presentato all’interno del Padiglione Russia alla Biennale di Venezia del 2009 un’opera controversa realizzata con petrolio grezzo e sangue umano – giunge a Palazzo Ducale a Genova con quattro installazioni site specific dal titolo Transformer No. M208.

Andrei Molodkin-Transformer No. M208-Cappella del Doge-GE140720 01
Simbolo del potere economico, vera e propria ossessione che unisce Oriente e Occidente tra grandi squilibri, speculazioni e disastri ambientali; il petrolio è uno degli elementi al al centro della produzione artistica di Moldkin da sempre caratterizzata da una dimensione poetica politico-ideologica. Spesso abbinato ad altri materiali, quali inchiostro o sangue, “l’oro nero” è utilizzato dall’artista come uno degli strumenti base per la costruzione del suo impianto narrativo che considera anche dal punto di vista della sua portata simbolica e culturale.

Andrei Molodkin-Transformer No. M208-Cappella del Doge-GE140720 03
Ancora più significativa in tal senso la decisione di collocare Transformer No. M208 nella solenne cornice della Cappella del Doge risalente al XVII secolo e nel Salone del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale, luogo all’interno del quale venivano prese le decisioni politiche per l’amministrazione della città; una città che acquista anche una ulteriore valenza simbolica in quanto patria di Cristoforo Colombo, colui che che ha aperto le porte ai traffici internazionali tra il vecchio e il nuovo mondo.

Andrei Molodkin-Transformer No. M208-Salone del Maggior Consiglio-GE140719 03
L’installazione, situata proprio di fronte alla Madonna di marmo all’interno della Cappella, pare voler sollecitare una riflessione critica sulla relazione tra la sacralità e il potere economico
; l’alternarsi di luci e ombre nello spazio e il contrasto tra bianco e nero, tra la sostanza luminescente del gas argon e la materia viscosa del petrolio grezzo contribuisce a dara allo spettatore una sensazione di instabilità e spaesamento, quasi a ricordare la mancanza di punti di riferimento etici e culturali nella quale la società contemporanea è invischiata ogni volta che scendono in campo interessi economici e poteri politici ad essi asserviti.

Transformer No. M208
a cura di Linda Kaiser

18 luglio – 24 agosto 2014

Palazzo Ducale
Piazza Matteotti 9, Genova

Orario: martedì – domenica, 10.00-19.00 (chiusa al lunedì)

Ingresso: € 5

Info: www.palazzoducale.genova.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi