Ti sarà inviata una password per E-mail
HERENTALS (BELGIO) | Art Center Hugo Voeten | Fino al 30 giugno 2015

L’Art Center Hugo Voeten di Herentals (Belgio) è la prima istituzione belga a dedicare una mostra personale all’artista italiano Aron Demetz (1972) che, in questa occasione, ha proposto una serie di espressive e intense sculture a grandezza naturale.
L’espressione dei suoi personaggi, definiti e delineati nella personalità e al contempo primordiali nell’aspetto spesso grezzo dei materiali da cui si originano, portano lo spettatore a contemplare il mistero del corpo umano, teso tra forza e vulnerabilità.

Aron Demetz. Memoridermata, veduta della mostra, Art Center Hugo Voeten, Herentals (Belgio)

Quello dell’articolazione della materia resta un tema centrale della poetica dello scultore altoatesino che, nelle sue realizzazioni, esplora e contempla un ampio spettro di materiali diversi che agisce nelle loro singole potenzialità espressive a restituire, nella fisicità della scultura, una plasticità sempre peculiare.
Il corpo umano in bronzo, legno, resina, silicone, … in Memoridermata si contempla in oltre 20 opere che rendono evidente l’universo immaginativo di Demetz: materia e corpo vivificano una serie di trasformazioni e mutazioni che non avvengono solamente nella fase di lavorazione, ma sembrano proseguire sotto lo sguardo dello spettatore.

Aron Demetz. Memoridermata, veduta della mostra, Art Center Hugo Voeten, Herentals (Belgio)

Corpi ridotti alla loro essenza primaria, possenti e gracili, oscuri e luminosi, densi di mistero e incombenza, ristabiliscono i parametri di una scultura tradizionale che sa rinnovarsi nell’attualità di un sapere e una conoscenza che in Aron Demetz si rendono grande e intensa poesia.
Figure, neutre, né uomini né donna, con corpi lacerati da ferite – ci sono superfici di legno grezzo, bruciature, colature di resine – accendono la loro umanità nell’intensità del loro sguardo che, profondo, sottolinea la loro fragile corruzione del corpo. Un corpo, mortale benché scultura, sembra andare in disfacimento secondo una decomposizione-corruzione che da fisica diventa poi sentimentale e mentale.

Aron Demetz. Memoridermata, veduta della mostra, Art Center Hugo Voeten, Herentals (Belgio)

Sotto l’epidermide dura e scalfita delle sue sculture, l’artista, lascia intravedere la tensione al divenire di un’anima che, superato il limite fisico del proprio corpo, vuole anelare ad una nuova e sconosciuta, quanto attesa, libertà.

Aron Demetz. Memoridermata
a cura di Simon Delobel

Fino al 30 giugno 2015

Art Center Hugo Voeten
Vennen 22, Herentals (Belgio) 

Info: +32 475 555125; +32 14 229118
www.artcenter.hugovoeten.org

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi