Ti sarà inviata una password per E-mail
PARMA | CSAC | Fino al 2 ottobre 2016

di CRISTINA CASERO 

Intorno al paesaggio – e alla sua rappresentazione, intesa come forma simbolica, la cui lettura si rivela sempre più carica di proiezioni e significati altri – si è molto ragionato, soprattutto nei tempi più recenti. A maggior ragione, interessante e attuale appare il tema La via Emilia. Strade, viaggi, confini, scelto quest’anno da Fotografia Europea, proprio in occasione della ricorrenza del trentesimo anniversario della realizzazione di un progetto tanto significativo, anche in quanto pluridisciplinare, quale fu Esplorazioni sulla via Emilia, che nel 1986 vide raccolti gli sguardi e le sensibilità di Barbieri, Basilico, Castella, Chiaramonte, Criscenti, Fossati, Galliani, Ghirri, Guidi, Jodice, Kinold, Nori, White e Willmann.

S.t., (da “Attraverso le pianure”, Giovanni Chiaramonte, Emilia Romagna, 2004, 300x400 mm Courtesy CSAC Università di Parma, Giovanni Chiaramonte

S.t., (da “Attraverso le pianure”, Giovanni Chiaramonte, Emilia Romagna, 2004, 300×400 mm Courtesy CSAC Università di Parma, Giovanni Chiaramonte

Proprio da quell’importante esperienza, che in qualche misura faceva eco all’epocale Viaggio In Italia di Luigi Ghirri e compagni, si può dire che tragga ispirazione anche la bella mostra Esplorazioni dell’archivio. Fotografie della via Emilia che, curata da Paolo Barbaro e Claudia Cavatorta, è allestita a Parma, nei suggestivi spazi dell’Abbazia di Valserena, sede dello CSAC. È una mostra da non perdere, per vari motivi. In primo luogo perché si tratta di una occasione per conoscere ed ammirare alcune immagini del paesaggio naturale ed urbano attraversato dalla via Emilia che sono tutte conservate nel ricchissimo archivio del Centro Studi e Archivio della Comunicazione: dalle stampe ottocentesche licenziate dal celebre Studio Alinari, e dagli attivissimi studi Brogi e Poppi, lavori che non è facile aver modo di vedere, soprattutto per il pubblico non specializzato, alle fotografie novecentesche degli Atelier Vasari e Villani, di Publifoto, di Bruno Stefani e Bruno Vaghi.
Però l’aspetto più interessante è che sono tutte immagini, queste, che non soltanto soddisfano la nostra curiosità, ma che si offrono come valido spunto di riflessione sulla natura culturale e convenzionale del “genere” del paesaggio, in quanto permettono di cogliere le presenza di modelli persistenti, di derivazione pittorica, capaci di tradursi in sguardi, in scorci, che sono diventati abituali, pur nel mutar del linguaggio.

Modena 1973, Luigi Ghirri, Modena 1973, 153x258 mm Courtesy CSAC Università di Parma, Eredi Ghirri

Modena 1973, Luigi Ghirri, Modena 1973, 153×258 mm Courtesy CSAC Università di Parma, Eredi Ghirri

In questo senso, ancor più significative sono le fotografie degli autori contemporanei che, all’inizio degli anni ottanta del Novecento, lavorano sul tema del paesaggio ribaltando schemi e convenzioni visive, come ben dimostrano le “piccole monografiche” dedicate, all’interno della mostra, a Olivo Barbieri, Gabriele Basilico, Vincenzo Castella, Giovanni Chiaramonte, Mario Cresci, Luigi Ghirri, Guido Guidi, Mimmo Jodice e Cuchi White. Alcuni di questi autori, tutti protagonisti di quella innovativa stagione, sono stati legati, legati sin da quei tempi, all’Università di Parma e allo CSAC, contribuendo anche – come nel caso di Ghirri – alla raccolta di importanti materiali.
A rendere ancora più ricca questa indagine visiva sulla via Emilia è anche la mostra, coordinata da Carlo Quintelli, Habitare la via Emilia. Presenze e luoghi di rifondazione insediativa: frutto di una ampia e approfondita ricerca sul paesaggio pubblico, essa analizza le mutazioni dell’ambiente intorno alla via Emilia, contribuendo sulla scorta di una attenta riflessione a dare un quadro più completo del paesaggio emiliano intorno alla strada consolare che attraversa la regione.

Esplorazioni dell’Archivio. Fotografie della Via Emilia
a cura di Paolo Barbaro e Claudia Cavatorta

Fino al 2 ottobre 2016 

CSAC, Centro Studi e Archivio della Comunicazione
Abbazia di Valserena
Strada Viazza di Paradigna 1, Parma

Orari: da martedì a venerdì 10.00-15.00; sabato e domenica 10.00-20.00
Biglietto intero €12.00; ridotto €10.00 (presentando il biglietto di ingresso a Fotografia Europea)

Info: +39 0521.607791
servizimuseali@csacparma.it
www.csacparma.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi