Ti sarà inviata una password per E-mail

TORINO | Gagliardi Art System | 15 marzo – 27 aprile 2013

I lavori di Aurore Valade sono opere da leggere. Bisogna essere curiosi, lasciar scorrere lo sguardo sull’immagine nel suo insieme e poi scendere nei dettagli, indagando i particolari, proprio come quando si legge un libro. Avvicinandoci alle opere, quindi, prendiamoci il nostro tempo e dedichiamo loro la dovuta attenzione. Leggiamo le scritte, studiamo le pose, le geometrie, i rimandi: perché in queste immagini nulla è casuale, tutto attende di essere interpretato.
Architetture, spazi, oggetti, personaggi e volti si muovono all’interno di una comune armonia compositiva: sono come lo sguardo e i tratti di un viso, le cicatrici e i segni dell’età che narrano i diversi momenti della vita e della storia personale in un unico volto, che si rivolge a noi, come voleva Lévinas, con l’impellenza di una domanda esistenziale tanto urgente e profonda quanto inaggirabile.

Per questo progetto espositivo L’or gris – il terzo con Gagliardi Art System – Aurore Valade ha scelto come filo conduttore un argomento inconsueto e coraggioso: la terza età. Forse mai come in questo caso le immagini fotografiche si configurano come una “teoria”: nel senso di sequenza, ma anche di riflessione che porta ad un esito, stimolando nuove domande e portando a tema nuove questioni.

L’argomento è infatti indagato in profondità, nei suoi aspetti meno scontati. La riflessione si amplia quindi al tema del tempo e del suo scorrere, alla storia privata e personale dei soggetti ritratti, fino a toccare motivi di carattere più teorico e paradigmatico dal punto di vista epocale come la maternità in tarda età, il senso della storia, il rapporto con l’infanzia, l’amore, la morte... Frequenti sono i rimandi all’iconografica classica della storia dell’arte.

La terza età si rivela dunque come una sorta di novella età dell’oro: un oro grigio, appunto, secondo l’espressione in uso in Francia per identificare il potenziale sociale – e a volte anche economico – che le persone anziane oggi rappresentano per la collettività. Ma la terza età di cui qui si parla è anche e soprattutto quella del nostro mondo e dei nostri modelli sociali. Vi è dunque l’invito a pensare questo tempo dell’anima come luogo dell’essenzialità, dell’essere costruttivi e autentici; e soprattutto, come per i greci voleva il dio Saturno, come luogo di evoluzione e di cambiamento. È questo il tempo di diventare ciò che siamo, parafrasando Nietzsche, senza raccontarci più né favole, né scuse, né farci illusioni.

Come sembrano voler suggerire i lavori in mostra, non sono dunque le persone anziane a dover essere allontanate o “rottamate”, ma le idee vecchie, che ci invecchiano e logorano corpo e spirito: è lì che si gioca il vero rinnovamento e la realizzazione dei nostri sogni.
Parte delle immagini in mostra sono state realizzate dall’artista nel corso di residenze in Francia, in particolare a Bordeaux e a La Napoule.

Aurore Valade. L’or gris
a cura di Maria Cristina Strati

15 marzo – 27 aprile 2013
inaugurazione giovedì 14 marzo 2013 ore 18.30 – 21.00

Gagliardi Art System
Via Cervino 16, Torino

Orari: Ma – Sa: ore 15.30 – 19.00

Info: +39 011 19700031
www.gasart.it
gallery@gasart.it

 

 

 

 

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi