Ti sarà inviata una password per E-mail
GEMONA (UD) | Palazzo Elti | 30 novembre 2014 – 1 febbraio 2015

Palazzo Elti di Gemona del Friuli inaugurerà il prossimo sabato la mostra personale del fotografo italo-palestinese Mustafa Sabbagh che, curata da Sabrina Zannier (da noi recentemente intervistata), costituisce il secondo appuntamento di Maravee Corpus, rassegna il cui tema, per l’edizione 2014, riflette sul corpo inteso come sistema sociale e letto attraverso fotografie, dipinti, video, costumi, performance e tatuaggi.
Sabbagh, annoverato tra i 100 fotografi più importanti al mondo, con Identità migrante presenta una visione appassionata per l’identità umana che viene da lui osservata e svelata proprio attraverso il corpo: un corpo dichiarato o mascherato in cui si sommano le esperienze della pittura e l’ammirazione per il paesaggio. Trenta opere fotografiche di grande formato, con installazioni e video, raccontano un corpo immobile, intenso dove il nero emerge come colore di pietà, bellezza e luce.

Mustafa Sabbagh. Identità migrante, Museo Civico Palazzo Elti, Gemona del Friuli (UD)

Queste opere di Sabbagh, che si permeano attorno al tema filosofico dell’identità assoluta, raccolgono anche una identificazione stretta tra lo spirito e la natura, espediente che gli fa superare la nozione distintiva che intercorre tra il soggetto e l’oggetto: il fotografo ci paventa una nuova concezione di identità del corpo, dove gli elementi costituenti, dall’uomo al paesaggio, dall’abito alla maschera, si relazionano in un peculiare aurea di misticismo e spiritualità.
Sabbagh muove dalla maschera, che sente col concetto di schermo: la maschera, infatti, agisce come un filtro che nasconde e svela, che veste e traveste. Una maschera che, dal corpo, palesa l’anima mettendo in scena l’idea di una spettacolarizzazione profonda del corpo stesso attraverso la ritualità fotografica e pittorica.
Il corpo, con tessuti o colate di pigmento, viene distorto ma, allo stesso tempo, risulta l’unico oggetto-soggetto presente e quindi se ne accentua il dato di assoluta, e intima, rivelazione. Sabbagh ci riconsegna, in modo mistico e emblematico, l’uomo nella sua dimensione di statuaria spiritualmente sacra e, al contempo, concretamente profana. 

Mustafa Sabbagh. Identità migrante
a cura Sabrina Zannier 

30 novembre 2014 – 1 febbraio 2015
inaugurazione 29 novembre 2014 ore 18.00 

Museo Civico Palazzo Elti
Via Bini 9, Gemona del Friuli (UD) 

Orari: tutti i giorni 10.00-12.30 e 14.30-18.00; chiuso il lunedì

Nell’ambito di: 

Maravee Corpus. L’elogio del corpo come sistema sociale: l’identità plurale in fotografie, video, costumi, performance e tatuaggi
ideazione e direzione artistica Sabrina Zannier
assistente alla direzione artistica e progettazione allestimenti Belinda De Vito
coordinamento Associazione Maravee
con il sostegno di Assessorato alla Cultura della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
con il contributo di Comune di Pordenone, Comune di Gemona, Obalne Galerije di Capoditria
con il patrocinio di Comune di Majano
con la collaborazione di Cinemazero, Cineteca del Friuli, Mittelmoda International Lab, Sartoria Farani, Balletto di Roma, Spellbound Dance Company, F.G. Teatro, Liceo Artistico Sello, Scuola Sperimentale dell’Attore
main sponsor Gervasoni s.p.a. 

Artisti: Carolina Amoretti, CianoghaphicSisters (Emanuela Biancuzzi+ Debora Vrizzi), Karin Andersen, Matteo Basilé, Vania Comoretti, Claudia Contin Arlecchino, Marta Dell’Angelo, Michael Fliri, Zoè Gruni, Daniele Indrigo, Roberto Kusterle, David LaChapelle, Lorena Matic, Giuseppina Maurizzi, Eva Petrič, Alberto Quoco, Mustafa Sabbagh, Cindy Sherman, Debora Vrizzi: con performance di Claudia Contin Arlecchino, Drusilla Foer, Lorenza Franzoni, Rita Maffei, Eva Marangone, Erica Modotti, Martina Tavano e animazioni video degli studenti del Liceo Artistico Sello di Udine

Castello di Susan
Majano (UD) 

1-30 novembre 2014

Orari: tutti i giorni 15.00-19.00; chiuso il lunedì
Per gruppi e scolaresche, anche visite in altri orari, su prenotazione: +39 0432 948090 e info@progettomaravee.com 

Galleria Loggia
Capodistria (Slovenia) 

16 gennaio-14 marzo 2015
inaugurazione venerdì 16 gennaio 2015 ore 18.00

Orari: tutti i giorni 11.00-16.00; chiuso domenica e lunedì

Tutte le mostre sono a ingresso gratuito 

Info: info@progettomaravee.com
www.progettomaravee.com

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi