ROVERETO (TN) | Project Wall – Mart | 31 maggio – 26 luglio 2015

In occasione della Notte Verde Rovereto il museo Mart inaugura la nuova proposta per lo spazio Project Wall – ambiente in cui, secondo una cadenza mensile, artisti italiani contemporanei propongono installazioni realizzate appositamente per l’occasione e che sono ispirate allo spazio, all’architettura o alle mostre in corso nel museo – il progetto di Elisa Strinna (1982) intitolato Sulla natura morta 2011-2015.
La mostra, che si inserisce anche nello speciale calendario culturale Nutrire la mente Expo al Mart, proposto dal museo trentino in concomitanza con Expo Milano 2015, propone una riflessione che l’artista dedica ai temi del cibo e della sostenibilità, indagando il rapporto tra materie di prima necessità e mercato globale. Strinna espone Sulla natura morta 2011-2015 un work in progress che la vede impegnata dal 2011 e che, ad ogni appuntamento espositivo, si rinnova, cresce e si modifica: con Variazione su Canestra di frutta dal Caravaggio attua una re-interpretazione di uno dei più classici capolavori dell’arte mondiale e, con una raffinata composizione, accompagna lo spettatore a riflettere sui meccanismi della società e dell’economia globale. I frutti esotici, prodotti importati su vasta scala come effetto del passato colonialismo, sono l’emblema delle urgenze dei sistemi contemporanei e su una loro equa ripartizione.
Afferma la curatrice Veronica Caciolli:

“Il sistema biologico e quello industriale, la natura e la cultura, il selvaggio e il seriale, l’identità e lo stereotipo, il mondo e la sua rappresentazione si intrecciano continuamente mostrando un fondamentale dualismo.”

Elisa Strinna, Sulla natura morta, 2011-15

Miscelando citazioni dotte da Caravaggio a Calvino, l’artista padovana promuove un pensiero che tocca lo sfruttamento della terra, l’eco-sostenibilità, la mercificazione del lavoro, l’ingiustizia sociale nella suddivisione dei beni: la sua opera si genera dall’osservazione della ricca varietà di alimenti esotici in un mercato romano e, attualizzando un “genere” come quello della natura morta, lo eleva a elemento per una narrazione metaforica e densa di rimandi e richiami non solo alla storia, ma anche alla nostra attualità, e non solo artistica.
Questa installazione è stata proposta in diversi luoghi e ambienti e, in ogni contesto, dal 2011 ad oggi, ha trovato modo e forza per cambiare, solversi e crescere, accrescendo sempre il contenuto di senso che ad essa si sottintende. Dettagli nuovi rendono unico il momento della sua lettura, ma lo inquadrano anche in un contesto di ricerca che origina un processo sperimentale più ampio e diffuso.
Agli elementi già presentati, come il cestino dell’Ikea con la frutta, le riproduzioni fotografiche in bianco e nero, le kenzia e il video ispirato alla fiaba de La Ragazza Mela di Calvino, Strinna aggiunge calchi di frutti e foglie in silicone e alcuni acquerelli con le immagini di frutti esotici. Gli inserimenti accrescono, nella lettura di un’opera il cui rimando resta di facile fruizione, la riflessione sulla tematica della riproducibilità, della produzione standardizzata e della mercificazione.
Il progetto si lega, inoltre, alla mostra #collezionemart – riflettendo sul concetto di capolavoro e sulla sua definizione – e fa da ponte alle sue due sezioni #modernaclassicità e #canonecontemporaneo.

Project Wall
Elisa Strinna. Sulla natura morta 2011-2015
a cura di Veronica Caciolli
mostra inserita nel calendario culturale “Nutrire la mente Expo al Mart”
in partnership con Altemasi di Cavit
sponsor tecnico Calliari Fiori
si ringraziano Provincia Autonoma di Trento, Comune di Trento, Comune di Rovereto 

31 maggio – 26 luglio 2015
Inaugurazione sabato 30 maggio ore 19.00 durante la Notte Verde Rovereto 

Mart
Corso Bettini 43, Rovereto (TN) 

Orari: da martedì a domenica 10.00-18.00; venerdì 10.00-21.00; lunedì chiuso
Ingresso intero €11.00; ridotto €7.00; gratuito fino ai 14 anni

Info: 800 397760; +39 0464 438887
info@mart.trento.it
www.mart.trento.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •