Ti sarà inviata una password per E-mail
BOLZANO | Galleria Goethe | 19 ottobre – 23 novembre 2013

di GABRIELE SALVATERRA

Ricordate il teorema delle scimmie infinite? Quell’esperimento immaginario per cui, prendendo un milione di scimmie e lasciandole digitare a caso su delle macchine da scrivere, prima o poi queste avrebbero riscritto l’intera opera di Shakespeare? Un esperimento mentale che insegna come dal caos più assoluto possa nascere cultura grazie a un semplice processo di probabilità matematica.Kinki Texas, Parzival Minor, 2013, tecnica mista su tela

Quello che invece sembra dire Kinki Texas in questa nuova personale è l’esatto contrario: non basterebbero un migliaio di pony per creare uno spazio di armonia e cultura, non c’è alcuna speranza. L’assurdità sbeffeggiante di questa affermazione è già evidente in sé, ma diventa ancor più chiara osservando l’universo delirante, fumettistico e grottesco che viene messo in campo dall’artista. Il genere da cui Kinki Texas attinge è quello della monumentalità equestre, con una nutrita schiera di cavalieri e nobili destrieri rapiti da illustri saghe storico-mitologiche e riproposti in un universo post-apocalittico, pornografico e violento. In questo mondo vige una società oppressiva e corrotta, popolata da figure ibride e post-umane: vittime e carnefici allo stesso tempo.

Kinki Texas, Bunkerhill, 2013, collage su carta e tecnica mista su tela

Per capire quanto straniante sia l’effetto di questi cavalieri demoniaci, è sufficiente pensare all’impiego fatto dello stesso genere da un artista agli antipodi come Marino Marini. Nelle sue sculture i cavalli e i cavalieri sono emblemi di classicità e mantengono la memoria di un passato aulico e glorioso. Qui il discorso è completamente opposto e Kinki Texas degrada questa simbologia, caricandola di perversioni, mostrando come in tempi recenti non sia più possibile alcuna visione ideale. L’artista tedesco sembra guardare alla violenza grafica di Basquiat, dipingendo questi cavalieri con tratto rotto e spezzato, spesso corredando le opere di scritte e appunti, come se si trattasse di graffiti abbandonati sulle piastrelle di uno squallido bagno pubblico.

Kinki Texas, 1000 Ponies are not enough, veduta allestimento, courtesy Galleria Goethe, Bolzano

La tecnica utilizzata, in linea con questa poetica, si serve di stratificazioni, correzioni, ripensamenti e un approccio collagistico in grado di sottolineare questo registro basso. Giustamente Detlef Stein nota come «persino i quadri ultimati mantengano il carattere del provvisorio e non abbiano nulla di magistrale»: immagini instabili e disilluse ben lontane dal repertorio monumentale a cui si ispirano. Kinki Texas porta l’osservatore in un mondo ossessivo in cui si è contemporaneamente attratti e respinti.

Kinki Texas. 1000 Ponies are not enough
testo critico Detlef Stein

19 ottobre – 23 novembre 2013

Galleria Goethe
Via della Mostra 1, Bolzano

Info: info@galleriagoethe.it
www.galleriagoethe.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi