Ti sarà inviata una password per E-mail
BOLOGNA | Fondazione Mast | 27 gennaio – 17 aprile 2016

di ILENIA MOSCHINI

La Fondazione MAST presenta, per la prima volta in Italia, una mostra antologica dedicata al fotografo svizzero Jakob Tuggener (1904 – 1988). Il progetto espositivo, promosso dalla Fondazione bolognese in collaborazione con la Fondazione Jakob Tuggener di Uster e la Fondazione Svizzera per la fotografia di Winterthur, con la curatela di Urs Stahel (direttore della PhotoGallery del MAST) e di Martin Gasser, si compone di due mostre che illustrano le tematiche principali con le quali Tuggener si è confrontato; il lavoro in fabbrica e le notti di festa dell’alta società.

JAKOB TUGGENER, Senza titolo, Geigy, Basilea, 1953. Courtesy Jakob Tuggener Foundation, Uster

“Seta e macchine, questo è Tuggener”, così il fotografo definiva il suo lavoro collocandosi tra i due estremi; egli amava intensamente questi due mondi opposti e li considerava degni dello stesso valore artistico. Grazie al suo sguardo acuto e attento anche ai dettagli che solitamente passano inosservati, Jakob Tuggener ha dato nuova espressività a entrambe queste realtà, in immagini dinamiche e che risaltano con grande forza sullo sfondo nero-argento della pellicola fotografica.

JAKOB TUGGENER, Nell’ufficio della fonderia, fabbrica di costruzioni meccaniche Oerlikon, 1937 © Jakob Tuggener Foundation, Uster

Il primo nucleo dell’esposizione, Fabrik 1933-1953, presenta le stampe originali dell’autore svizzero tratte dal suo libro FABRIK, un’opera unica nel genere dell’editoria fotografica che documenta con approccio critico e umano le implicazioni dell’industrializzazione e del progresso tecnico. La sequenza delle immagini del libro è ricostruita lungo le pareti del percorso espositivo, dando vita a una narrazione di grande impatto visivo che ritrae paesaggi industriali, gli sguardi dei lavoratori e i segni della loro fatica, i fumi e i vapori di un ambiente logorante come la fabbrica, gli armamenti destinati alla Seconda guerra mondiale, ma anche i particolari più nascosti, evocativi e poetici di una giornata lavorativa o di un momento di pausa, che emergono grazie al sapiente uso del gioco di luci e di ombre che caratterizza l’opera del fotoartista svizzero.

JAKOB TUGGENER, Carlton Hotel, St. Moritz, s.d.  Palace Hotel, St. Moritz, s.d. ∏ Jakob Tuggener Foundation, Uster

Al piano terra del MAST invece, le proiezioni Nuits de bal 1934-1950 mostrano le fotografie scattate da Tuggener durante gli eventi mondani del jet-set elvetico. Affascinato dall’atmosfera festosa e sensuale delle serate di gala, Tuggener ha saputo cogliere con il suo obiettivo le sfumature cangianti degli abiti da sera, i volti, i gesti e gli atteggiamenti seducenti degli uomini e delle donne, ma anche le movenze dei camerieri, dei baristi e dei musicisti durante il loro lavoro al servizio degli ospiti.

Infine, a testimoniare l’eclettismo e la versatilità di Jakob Tuggener, la rassegna è arricchita da una raccolta di menabò di libri fotografici impaginati e rilegati dallo stesso autore e da quattro brevi filmati muti girati da Tuggener con il regista Max Wydler.

Jakob Tuggener
a cura di Martin Gasser e Urs Stahel

MAST
Via Speranza 40 – 42, Bologna

27 gennaio – 17 aprile 2016

Orari: dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 19.00

Info: www.mast.org

 

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi