Ti sarà inviata una password per E-mail
ROMA | MAXXI | 22 settembre 2011 – 29 gennaio 2012

INDIAN HIGHWAY
30 artisti, 60 opere, 4 installazioni site specific
raccontano il boom, le contraddizioni, le mille sfaccettature del “miracolo indiano”

30 artisti, 60 opere tra cui 4 installazioni site specific pensate per il MAXXI e una serie di lavori qui esposti per la prima volta nella loro monumentalità.
Al MAXXI INDIAN HIGHWAY, la grande mostra collettiva itinerante realizzata in coproduzione con Serpentine Gallery di Londra e Astrup Fearnley di Oslo e organizzata nella tappa romana dal MAXXI Arte, a cura di Julia Peyton-Jones, Hans Ulrich Obrist, Gunnar B. Kvaran e Giulia Ferracci (MAXXI Arte). INDIAN HIGHWAY – dall’emblematico titolo/metafora del Paese e della sua corsa vertiginosa verso il futuro – racconta il boom economico, lo sviluppo tecnologico, le trasformazioni sociali, il confronto e la convivenza tra civiltà millenaria e società in divenire, identità e modernità, campagne e città in crescita esponenziale. Un ritratto a 360 gradi del subcontinente e del suo “miracolo”, interpretato attraverso gli occhi disincantati, acuti, profondi di 30 artisti.
Esposta per la prima volta alla Serpentine Gallery di Londra nel 2009, INDIAN HIGHWAY ha toccato prestigiose sedi internazionali fino ad arrivare al MAXXI Arte (dal 22 settembre 2011 al 29 gennaio 2012), per concludersi a Nuova Delhi nel 2013. In ogni tappa, la mostra assume una sua particolare fisionomia, con opere pensate ed esposte appositamente per l’occasione.

INDIAN HIGHWAY
30 artisti, 60 opere, 4 installazioni site specific
raccontano il boom, le contraddizioni, le mille sfaccettature del “miracolo indiano”
a cura di Julia Peyton-Jones, Hans Ulrich Obrist, Gunnar B. Kvaran e Giulia Ferracci (MAXXI Arte)

Inaugurazione mercoledì 21 settembre 2011 alle 19.00
22 settembre 2011 – 29 gennaio 2012
Info: Ufficio stampa MAXXI
+39.06.3225178 | press@fondazionemaxxi.it
Info per la visita:
MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo
via Guido Reni, 4/A , Roma
Info e prenotazioni: +39 06 32810
Orari: martedì-mercoledì-venerdì-domenica 11.00-19.00
giovedì-sabato 11.00-22.00
chiuso lunedì, la biglietteria chiude un’ora prima del museo

www.fondazionemaxxi.it

Artisti: Ayisha Abraham (Londra, 1963), Ravi Agarwal (Nuova Delhi, 1958), Sarnath Banerjee (Calcutta, 1962), Hemali Bhuta (Mumbai, 1978), Nikhil Chopra (Calcutta, 1974), Desire Machine Collective (Sonal Jain, Shillong 1975 e Mriganka Madhukaillya, Jorhat 1978), Sheela Gowda (Bhadravat,1957), Sakshi Gupta (Nuova Delhi, 1979), Shilpa Gupta (Mumbai, 1976); Subodh Gupta (Khagaul, Bihar, 1964); N.S. Harsha (Mysore, 1969), Abhishek Hazra (Calcutta, 1977), M.F. Husain (Pandharpur 1915 – Londra 2011), Jitish Kallat (Mumbai, 1974), Amar Kanwar (Nuova Delhi, 1974), Bharti Kher (Londra, 1969), Bose Krishnamachari (Kerala, 1963), Nalini Malani (Karachi, 1946), Jagannath Panda (Bhubaneshwar, 1970 ), Prajakta Potnis (Mumbai, 1980), Raqs Media Collective (Jeebesh Bagchi, NuovaDelhi 1965; Monica Narula, Nuova Delhi 1969; Shuddhabrata Sengupta, Nuova Delhi 1968; Tejal Shah, Bhilai 1979 ), Valay Shende (Nagpur, 1980), Dayanita Singh (Nuova Delhi, 1961), Sumakshi Singh (Nuova Delhi, 1961 ), Kiran Subbaiah (Sidapur, 1971), Ashok Sukumaran e Shaina Anand (Ashok Sukumaran, Giappone, 1974), Thukral & Tagra (Jiten Thukral, Jalandhar, 1976; Sumir Tagra, Nuova Delhi, 1979), Hema Upadhyay (Baroda, 1972).


Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi