Ti sarà inviata una password per E-mail
BOLOGNA | Adiacenze | 23 marzo – 20 aprile 2013

La metodica del filo è la personale di Cesare Galluzzo, vincitore del Premio Nocivelli 2012 nella sezione Under 25.

Con il filo si costruiscono cose, intenti, idee, abbozzi di un paesaggio che si forma attorno all’uomo. I fili costituiscono un inserimento nello spazio che ne genera uno dentro l’altro definendone sistematicamente i confini. Per questa mostra Galluzzo presenta ciò di cui l’uomo si circonda facendo, attraverso i secoli, di una necessità una virtù: opere site specific che guardano e abbozzano architetture, dalle più antiche alle più contemporanee tutte insieme, formano un percorso all’interno dello spazio espositivo Adiacenze traghettando i visitatori in un pensiero più profondo su ciò che viene costruito dall’uomo in quanto essenziale per la sopravvivenza e non solo.


Galluzzo racconta più storie incasellate tra di loro: la storia dell’uomo, dai simboli architettonici delle più antiche civiltà, fino alla storia della vita umana stessa rappresentata dal cambiamento delle architetture che ci ospitano e dalle emozioni che variano con il passare del tempo.
Il filo in questa esposizione diviene il segno del confine che racchiude il vuoto e con esso i sentimenti, così irraggiungibili e intangibili nella loro essenza più pura e segreta.

Galluzzo nell’utilizzo di materiali naturali come canapa e legno, contrapposti al più truce cemento, inserisce una certa emozionalità che scaturisce dal fatto che ad essere rappresentato è un vissuto umano, o meglio, architetture fatte più solide dall’esperire umano che ci circondano quotidianamente ma delle quali poco spesso ci chiediamo il perché ci siano, in quanto oramai luoghi artificiali del nostro vivere e “oggetti” troppo comuni per chiederci da dove arrivano.

Dal simbolo della conquista dello spazio, ovvero il pozzo, una delle prime architetture che ha fatto sì che antiche popolazioni non dovessero essere più costrette ad abitare solo certi luoghi, fino a colonne che generano trompe d’oeil e visioni inesistenti ma all’apparenza tangibili, tutto concorre alla rappresentazione del vissuto umano e allo scaturire di diversi sentimenti nell’osservazione tangibile dell’arte che con il passare del tempo ci siamo costruiti intorno a noi e che ci circonderà anche oltre la nostra stessa vita.

Cesare Galluzzo. La metodica del filo
Vincitore del Premio Nocivelli 2012 nella sezione Under 25

23 marzo – 20 aprile 2013
Inaugurazione sabato 23 marzo 2013, ore 19.00

Adiacenze
Piazza San Martino 4f, Bologna

Orari: dal martedì al sabato dalle 16.00 alle 20.00
(domenica e lunedì su appuntamento)

Info: +39 3335463796 | +39 3473626448
info@adiacenze.it
www.adiacenze.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi