Ti sarà inviata una password per E-mail
ALBA (CN) | Fondazione Piera, Pietro e Giovanni Ferrero | 25 ottobre 2014 – 1 febbraio 2015

Sono sessantacinque i dipinti che – quaranta dei quali provengono dalle collezioni di musei e istituzioni nazionali e internazionali – compongono l’impegnativo progetto con il quale la Fondazione Ferrero di Alba (CN) rende omaggio a Felice Casorati (1883 – 1963).
La ricca antologica si concentra sulla ricerca, la storia pubblica e la ricezione internazionale della pittura di Casorati coprendo l’arco temporale che va dagli anni Dieci agli anni Cinquanta del Novecento e, grazie alla collaborazione con la GAM di Torino cui appartiene la più ampia collezione pubblica di opere del maestro, questo progetto conferma una peculiare attenzione rivolta, nell’impostazione e nei contenuti, proprio al valore scientifico della mostra e della ricerca condotta.

Felice Casorati, Bambina che gioca su un tappeto rosso, 1912, Fine Arts Museum Ghent © Lukas-Art in Flanders vzw Foto Hugo Maertens

Una storia, quella del successo oltreconfine di Casorati che lo stesso artista ebbe modo di commentare, nel 1943, nell’Aula Magna dell’Università di Pisa:

“La mia pittura accolta con tanta severità in patria, trovò all’estero consensi cordiali, talvolta entusiasti. Moltissime le riviste che mi dedicarono articoli. Fui invitato ad allestire mostre personali in Germania, in Belgio, in America, in Francia e persino in Russia. Le Gallerie d’Europa e d’America ospitarono fin troppo volentieri i miei quadri.”

Collezioni e mostre tra Europa e Americhe raccoglie filologicamente un nucleo di opere appartenenti a collezioni museali e private, acquisiti o esposti all’estero e nelle sale della Biennale di Venezia, che Casorati stesso scelse e volle presentare in contesti espositivi internazionali. Celebrato come uno dei maestri del Novecento, partecipò, infatti, a importanti rassegne come le Esposizioni per il Centenario argentino di Buenos Aires, per il Centenario dell’Indipendenza di Santiago del Cile, le Esposizioni universali di Barcellona (1929) e di Bruxelles (1935), l’Esposizione Internazionale di Parigi (1937) e alla prima edizione di Documenta a Kassel (1955), per citare solo alcuni dei palcoscenici internazionali che gli garantirono successo e  ammirazione.

Felice Casorati, Natura morta con il limone, 1937, Museu de Arte Contemporãnea da Universidade de São Paulo, San Paolo, Brasile
L’antologica di Alba analizza, quindi, la mappa composita della sua intensa attività espositiva e individua, nelle Biennali veneziane, il punto privilegiato d’osservazione, di cui si documentano, in questa occasione, le dodici edizioni che videro Casorati presente alla manifestazione lagunare.
La mostra non si rivolge solo al grande pubblico ma, per i suoi contenuti, richiama l’attenzione anche di studiosi e storici: per tutti i visitatori la Fondazione Ferrero ha, inoltre, previsto un articolato programma di visite, incontri e approfondimenti. In calendario anche la proiezione del documentario che è stato prodotto ad hoc e numerose attività educative rivolte alle scuole.
Gli esiti della ricerca, che ha preceduto il progetto della mostra i cui lavori sono iniziati addirittura nella primavera del 2013, si ritrovano nel catalogo (Silvana Editoriale) che, curato da Giorgina Bertolino, documenta e analizza le opere esposte e si completa con i saggi di della curatrice, di Sergio Cortesini, Maria Chiara Donini, Ana Gonçalves Magalhães.
Durante l’apertura della mostra di Alba, la GAM di Torino presenterà nella Wunderkammer, curata dal vice-direttore Riccardo Passoni, 
una selezione di disegni di Casorati provenienti dal Gabinetto Disegni e Stampe del museo.

Felice Casorati. Collezioni e mostre tra Europa e Americhe
a cura di Giorgina Bertolino
progetto di Fondazione Ferrero, GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino
in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
comitato scientifico Danilo Eccher, Edith Gabrielli, Carlo Sisi, Ester Coen, Flavio Fergonzi, Maria Cristina Bandera, Luigi Cavallo, Ana Gonçalves Magalhães, Virginia Bertone

Fondazione Piera, Pietro e Giovanni Ferrero
via Vivaro 49, Alba (CN) 

Orari: lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì 15.00-19.00; sabato, domenica e festivi 10.00-19.00; martedì chiuso; giorni di chiusura 24, 25, 31 dicembre 2014 e 1 gennaio 2015
Ingresso gratuito; accesso e servizi per disabili
 

Info: +39 0173 295259
info@fondazioneferrero.it
www.fondazioneferrero.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi