Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | Edificio Messina Due – La Fabbrica del Vapore | 17 febbraio – 23 marzo 2016

Si compone di oltre cinquanta sculture policrome (tra cui la monumentale installazione Gocce di spazi paralleli), una serie di grandi opere su carta a grafite e cera e disegni realizzati con resina e pigmenti la mostra personale di Klaus Münch (1953) che apre domani nell’Edificio Messina Due presso la Fabbrica del Vapore a Milano.

Klaus Münch, Senza titolo, 2015, plexiglas, 43x137x137 cm

Questa esposizione propone una lettura del percorso recente, con alcuni inediti e opere degli ultimi anni, del lavoro dello scultore tedesco le cui realizzazioni guardano alla presenza della vita nel micro e nel macro cosmo: i colori, le forme e i materiali suggellano l’apparentamento e l’evocazione di altre forme vitali, alludendo, come base concettuale principale, alla teoria degli universi paralleli.
La concezione dello spazio e dell’ambiente assume un ruolo fondante nella dimensione di senso della sua ricerca, questa si pone, infatti, in costante divenire e, attraverso le opere policrome, fatte anche di immagini che rimandano a cellule minerali, vegetali e animali viste al microscopio, Münch rilegge il mondo in-visibile con il persuasivo e coinvolgente linguaggio della sua arte.

Klaus Münch, Gocce di spazi paralleli, 2016

Sotto le sue “cupole” arte e scienza vivono congiuntamente, sono questi degli speciali moduli in cui si conserva lo spunto primigenio della vita: che siano organuli cellulari o la dimensione vasta e infinita di ipotetiche costellazioni astrali, la sua materia diventa lo scrigno che racchiude – e allo stesso tempo proietta nell’ambiente che circonda – una tensione che attraversa forze universali.
Scrive il professor Pietro Bellasi:

“Nelle sue ‘bolle’ o ‘gocce’ incinte, gonfie di spazio quasi a far scoppiare quei gusci traslucidi e cheratinosi, forme e colori alludono ad aspetti ed ‘espressioni’ primordiali, archetipiche della materia stessa, che Münch sembra racchiudere in vitro con una attenzione quasi naturalistica a catturarne fluidità e consolidamenti, deflagrazioni e implosioni, fratture e saldature, luminescenze, riverberi, luccichii… Osservando le più voluminose a forma rotonda o ellittica subito vengono in mente certe rappresentazioni stupefacenti della ‘radiazione cosmica di fondo’, quel remoto debole bagliore che ci giunge dall’inizio di tutto.”

Rispetto allo scenario riferibile al mondo vivente scrive Bruno Corà:

“È evidente, a proposito delle calotte semisferiche di Klaus Münch che in esse si manifesta la memoria di un archetipo. Tanto esplicito per quanto già intuito e celebrato da Hieronymous Bosch e in seguito, con forme diverse, da altri artisti interessati all’entità e al concetto di spazio. Detto archetipo è quello della curvatura dello spazio e, al contempo, quello stesso dell’origine della vita sul pianeta e in altri mondi.”

Klaus Münch, Senza titolo, 2015, plexiglas, 55x210x100 cm

In merito all’importanza del disegno nell’opera di Münch annota invece Aldo Iori:

“Esso è realizzato a grafite o tecnica mista su carta, quasi a dare risposta, come prima accennato, alla necessità di esperire un rapporto fisico ed energetico con la materia e con la forma; anche la dimensione spesso cambia e in alcuni casi assume dimensioni antropometriche.”

Le opere esposte, che siano a parete o a terra, avvolgono lo spettatore interrogandolo sul senso e sul significato del suo essere parte della natura e di un infinito sistema universale allusivo di mondi organici fitomorfici e zoomorfici. Nella limitata dimensione della contingenza presente del luogo, questi lavori cercano un dialogo con l’infinita possibilità del reale.

Klaus Münch. Gocce di spazi paralleli
a cura di Pietro Bellasi e Bruno Corà
promossa da Magonza Editore, Atlante Servizi Culturali
in collaborazione con il Comune di Milano, La Fabbrica del Vapore
catalogo Magonza Editore con testi di Pietro Bellasi, Bruno Corà e Aldo Iori 

17 febbraio – 23 marzo 2016
Inaugurazione martedì 16 febbraio ore 18.30

Edificio Messina Due
La Fabbrica del Vapore
via Procaccini 4, Milano

Orari: da martedì a domenica ore 15.00-20.00

Info: +39 075 3721525
atlanteserviziculturali@gmail.com
www.atlantecooperativa.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi