Iscrivendomi a questo sito dichiaro di aver letto e accettato l’Informativa sulla Privacy.

Immagine CAPTCHA

Ti sarà inviata una password per E-mail

Immagine CAPTCHA

PARMA | Archivio Museo CSAC | Dal 23 maggio 2015

Quella dell’apertura dell’Archivio Museo CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma è una storia che ci piace raccontare, perché esempio di buona volontà, impegno e determinazione, componenti essenziali che, in tempo di crisi e di difficoltà, sanno far superare ostacoli e impedimenti portando progetti, magari anche ambiziosi e apparentemente impossibili da ottenere, a vedere la luce in tempi anche miracolosi e rispettando i budget previsti.
Nell’Abbazia cistercense di Valserena, identificata come la Certosa di Parma di stendhaliana memoria, nella campagna emiliana a pochi chilometri dal centro cittadino, il sogno della grande apertura del CSAC è diventato realtà e si è aperto un luogo che diventa tempio di cultura, ricerca, formazione e informazione.
L’Archivio dello CSAC ha una storia lunga che risale al 1968 quando Arturo Carlo Quintavalle inizia a raccogliere e conservare materiali vari relativi alla comunicazione visiva, alla ricerca artistica e progettuale italiana dal XX secolo in poi, un patrimonio che oggi conta oltre 12 milioni di pezzi ripartiti nelle cinque sezioni di Arte, Fotografia, Media, Progetto e Spettacolo.

Archivio Museo CSAC - Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma, Parma

Fortemente voluto dal nuovo rettore dell’ateneo parmense il professor Loris Borghi (presidente dello stesso CSAC), affidati i lavori ai professori Francesca Zanella e Carlo Quintelli (curatori e membri del Consiglio direttivo CSAC) e Claudia Conforti (membro del Comitato Scientifico Consultivo dello CSAC), in poco più di dieci mesi, quello che appariva come un deposito frazionato e scomposto di documenti e opere diventa un centro di eccellenza, un museo integrato e aperto al pubblico al pari di altri esempi internazionali celebrati e  apprezzati. Il nuovo Archivio-Museo dello CSAC, infatti, diventa uno spazio multifunzionale, integrando gli spazi del museo, dell’archivio e del centro di ricerca e didattica.
Quella di Parma si configura come una realtà unica in Italia la cui attività spazia dalla consulenza e supporto all’istruzione universitaria all’organizzazione di mostre; dalle pubblicazioni (più 120 dal 1969) al prestito di opere, dalla raccolta di documenti d’archivio alla collaborazione con centri internazionali d’eccellenza (come il MoMA, il Centre Pompidou, La Triennale di Milano…).
Il nuovo percorso espositivo riunisce, negli spazi ristrutturati della chiesa cistercense, della Sala delle Colonne, della Sala Ipogea e della Corte delle sculture, oltre 600 opere che sono oggi esposte all’ammirazione del pubblico.
Secondo i criteri più attuali, il nuovo CSAC si dota anche di servizi di accoglienza e ospitalità che vanno dal bistrot alla foresteria che, allestita nelle antiche celle dei monaci, permette a studiosi, ricercatori, artisti, … di soggiornare direttamente in loco.
Completa il progetto un ricco bookshop in cui saranno disponibili anche i cataloghi e i manifesti delle mostre realizzato negli anni dallo CSAC.

CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione Università di Parma

Abbazia di Valserena
Strada Viazza di Paradigna 1, Parma 

Dal 23 maggio 2015

Orari: da martedì a venerdì 10.00-15.00; sabato e domenica 10.00-20.00
Ingresso 10 euro; riduzioni per gruppi, giovani sotto i 18 anni, studenti e docenti; gratuità per persone con disabilità e bambini sotto i 12 anni 

Info: +39 0521 033652
info@csacparma.it
www.csacparma.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi