Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | PAC Padiglione d’Arte Contemporanea | 11 ottobre 2014 – 6 gennaio 2015

Il PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano, in occasione della 10a Giornata del Contemporaneo prevista per domani, inaugura la mostra Glitch. Interferenze tra arte e cinema in Italia con la quale si esplorano le complesse e articolate relazioni che intercorrono tra i linguaggi delle arti visive e quelli del mondo cinematografico. Questa collettiva – la più ampia panoramica dedicata in Italia a questo tema – presenta una folta rappresentanza di artisti italiani delle ultime generazioni le cui opere tra film, installazioni, fotografie e performance, sono state realizzate, salvo qualche eccezione, negli ultimi quindici anni.

Marinella Senatore, Stills from video Nui Simu (That’s us), 2010, single channel HD, video on Blu-Ray Disc, stereo, color, 15‘:00‘‘ Courtesy, MOTInternational, London & Brussels, Peres Projects, Berlin and Mendes Wood,São Paulo Produced by Riso Museum, Palermo (I)

Commissionata dal nuovo Comitato Scientifico del PAC, questo progetto espositivo rimanda, nell’idea da cui prende il titolo, al linguaggio dell’elettronica e del digitale: glitch, infatti, è quella distorsione o interferenza di breve durata che, non prevista, si verifica all’interno di una riproduzione audio o video. Un momento imprevisto che si fa rivelazione allo stesso modo in cui si percepiscono le opere che compongono il percorso nello spazio espositivo milanese. Tema portante rimane l’idea di storytelling, dove si mette in risalto quella peculiare rifrazione tra una narrativa lineare e una non lineare, tra verità e finzione, di analisi sull’atto visivo e sulla costruzione di storie.
Meccanismi questi che si verificano tanto nel cinema quanto nell’arte, soprattutto oggi in un contesto in cui si tende a facilitare la produzione, la diffusione e la creazione di “immagini”. Ruolo determinante lo svolgono le nuove tecnologie e i nuovi sistemi di comunicazione globale che hanno allargato le possibilità linguistiche degli artisti e hanno favorito una conseguente contaminazione di linguaggi e metodologie provenisti e propri di ambiti differenti.

Alterazioni Video, Still From Movie Ambaradan, 2014

Glicht si definisce su tre livelli distinti dedicati al concetto di opera filmica: il primo livello, quello dichiaratamente cinematografico, muta lo spazio milanese in un cinema multisala che propone 64 film d’artista, divisi in due programmi, che verranno proiettati a giorni alterni in tre mini-cinema realizzati ad hoc per questa mostra. Le opere, suddivise in serie e in temi, guardano a produzioni di artisti che si muovono tra arte contemporanea, meta-film o provengono dal cosiddetto cinema sperimentale.
Il secondo livello viene dedicato alle installazioni e riunisce opere che agiscono come declinazioni, traduzioni o presupposti dei lavori filmici veri e propri. All’ambito performativo si guarda nel terzo livello dove le performance si manifestano in progetti che trapassano la stessa dimensione dello schermo.
La mostra al PAC, che rientra nel palinsesto di Milano Cuore d’Europa, conferma la volontà di creare connessioni con altre istituzioni presenti nel capoluogo lombardo e, in questo caso, la collaborazione viene mutuata con Careof DOCVA, che nello spazio espositivo di via Procaccini approfondisce, con una mostra parallela, la filmografia e la produzione degli artisti italiani selezionati per Glitch.
Oltre ad uno speciale abbonamento alla mostra, che dà accesso illimitato alle proiezioni e agli eventi collaterali, il PAC ha previsto diverse attività per avvicinare il pubblico: visite guidate gratuite per tutti i visitatori ogni giovedì alle 19.00 e la domenica alle 18.00 e un public program di proiezioni su monografie d’autore, talk e selezioni di carattere tematico.

Glitch. Interferenze tra arte e cinema in Italia
a cura di Davide Giannella
promossa e prodotta dal Comune di Milano – Cultura, PAC, Civita 

Artisti: Alterazioni Video, Yuri Ancarani, Meris Angioletti, Rosa Barba, Barbara & Ale, Marco Belfiore, Elisabetta Benassi, Riccardo Benassi, Francesco Bertocco, Rossella Biscotti, Federico Chiari, Danilo Correale, Giorgio Cugno, Alberto De Michele, Gianluca e Massimiliano De Serio, Rä Di Martino, Patrizio Di Massimo, Irene Dionisio, Alessandro Di Pietro, Ettore Favini e Antonio Rovaldi, Francesco Fei, Anna Franceschini, Stefania Galegati, Paolo Gioli, Piero Golia, Alice Guareschi, Adelita Husni-Bey, Invernomuto, Armin Linke, Beatrice Marchi, Diego Marcon, Eva Marisaldi, Margherita Morgantin, Valerio Rocco Orlando, Adrian Paci, Roberto Paci Dalò, Diego Perrone, Marinella Senatore, Gabriele Silli, Carola Spadoni, Giacomo Sponzilli, Giulio Squillacciotti, Gianluigi Toccafondo, Luca Trevisani, Carlo Gabriele Tribbioli, Francesco Vezzoli, Virgilio Villoresi, Zapruder, Zimmerfrei

11 ottobre 2014 – 6 gennaio 2015
inaugurazione aperta al pubblico sabato 11 ottobre ore 18.00-24.00 

PAC Padiglione d’Arte Contemporanea
via Palestro 14, Milano 

Info: +39  02 88446359
www.pacmilano.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi