Ti sarà inviata una password per E-mail
MONTERIGGIONI (SI) | GalleriaZAK [Project Space] | 29 giugno – 5 agosto 2012

La Galleria ZAK presenta UNTITLED DAY, personale dell’artista Giulio Cassanelli (Bologna 1979). La mostra presenta una selezione di opere realizzate da Cassanelli dal 2008 al 2012 e fornisce al pubblico la chiave di lettura del lavoro svolto dall’artista fino ad oggi. Il percorso inizia con Resti? (2008/2011) una serie di scatti fotografici macro, che registrano la mutazione delle sedimentazioni e dei residui lasciati dal vino nei fondi di bicchieri questo lavoro riflette sulle alterazioni e le metamorfosi che segnano la materia in conseguenza al passaggio del tempo.

Se nei Resti? la componente di casualità insita al processo di deterioramento del soggetto è imprescindibile dal risultato dell’opera, Hiranyagarbha (2011) appare come un set fotografico, preparato dall’artista in ogni dettaglio dentro alle rughe dell’asfalto Cassanelli rompe dei tuorli d’uovo: l’uovo è innanzitutto simbolo del mondo e della cosmogonia, in più è simbolo di vita, e della vita che sussiste dopo la morte grazie al duro guscio galleggiando nel suo albume trasparente, il tuorlo tremolante di un acceso colore aranciato, sopravvive al risucchio delle oscure crepe del mondo.
Un’idea si salva in How to save an idea (2009), opera presentata alla Biennale di Istanbul del 2009. Una lampadina rotta è alloggiata in una lampadina funzionante ed è così che torna a funzionare: contenuta all’interno della sua stessa forma rispetta la sua essenza. In questo lavoro emerge la differenza che esiste tra vedere e/o guardare ciò che ci sta intorno. A prima vista non ci accorgiamo della lampadina rotta, ma a ben guardare ne cogliamo l’incrinatura e di conseguenza il concetto d’idea che ci sta intorno.
La Performance “Respirare” (2012), che l’artista ha tenuto in galleria durante l’opening del 28 giugno, spiega oltre alle tecniche di realizzazione, i contenuti che stanno dentro al lavoro delle bolle di sapone colorate. Queste forme passeggere e delicatissime che l’artista cattura in volo su tipologie di carte differenti, sono come lui stesso ci dice

“un respiro, un’istantanea pittorica, la traccia di un volo e di un gesto ideale, un cerchio disegnato dall’effimero reso manifesto, un pianeta, una cellula, una genesi pura nata dalla necessità di esprimermi cercando di unire il caso e l’autodeterminazione di fermare un qualcosa d’imprendibile e d’irripetibile come può essere l’ attimo”. Respirare vede Giulio Cassanelli letteralmente alle prese con il lavoro: soffiando dentro ad un retino intinto nel sapone, l’artista realizza quelle bolle di sapone che poi bagna di pigmenti colorati mentre ancora sono in volo poi le guida verso l’esplosione che avviene su carta fotografica o su acetati trasparenti, sui quali restano impresse forme affascinanti ed irripetibili, dei veri e propri microcosmi aperti all’immaginazione. Scrive Barbara Martusciello “questo inedito procedimento di Giulio Cassanelli è una sorta di danza creativa che nulla ha a che fare con l’azione pittorica di matrice espressionistica, ma molto con la calibrazione del lirismo astratto”.

Giulio Cassanelli. Untitled Day

Galleria ZAK
Castello di Monteriggioni
Piazza Roma 13, Monteriggioni (SI)

29 giugno – 5 agosto 2012

Orari: mer-dom 11.00-20.00 | lun – mar su appuntamento
Info: +39 3469437211 – infogalleriazak@gmail.com
www.galleriazak.com

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi