Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | Fondazione Carriero | 16 settembre – 13 dicembre 2015

Inaugura oggi a Milano la Fondazione Carriero, un nuovo spazio espositivo la cui missione si orienta ad una diffusione della cultura artistica contemporanea rivolgendosi ad un pubblico ampio e variegato. Nata per desiderio dell’imprenditore e appassionato collezionista Giorgio Carriero, trova sede negli splendidi ambienti di Casa Parravicini, raro esempio a Milano di edificio quattrocentesco, che, dopo aver accolto per anni la sede di una banca privata, viene “riconsegnata” alla città diventando spazio visitabile.
Il visitatore sarà sopraffatto dagli interni con i soffitti a cassettoni del ‘400, o la grande sala all’ultimo piano con gli affreschi seicenteschi, parte del contiguo Palazzo Visconti di Modrone. Le sale sono state oggetto di un intervento di restauro e modifica con un progetto firmato da Gae Aulenti – amica di Giorgio Carriero – che qui ha lasciato un importante testimonianza della contemporaneità del suo segno architettonico.

Casa Parravicini, via Cino del Duca 4, Milano, sede della Fondazione Carriero Foto Agostino Osio

I progetti artistici contemporanei si avviano ora con la mostra imaginarii, curata da Francesco Stocchi, dinamico e attivo curatore di arte moderna e contemporanea in forza al Museum Boijmans Van Beuningen di Rotterdam.
Spazio, tempo e ambiente sono al centro delle riflessioni che questa esposizione vuole muovere, individuando la legittimazione dell’esistenza delle “cose” non per la fisicità da loro espressa, ma come condizione-effetto di quanto noi vediamo. I lavori degli artisti messi in dialogo – Gianni Colombo, Giorgio Griffa, Davide Balula – sottolineano proprio quanto l’esperienza in loco sia imprescindibile per fruire la presenza dell’oggetto-opera che, pur finito, rimanda a infinite soluzioni il suo verificarsi come percezione.

Gianni Colombo Spazio elastico. Ambiente, 1967-68, elastici fluorescenti, motori elettrici, lampada di Wood, 400x400x400 cm Courtesy Archivio Gianni Colombo, Milano Foto Agostino Osio

Il complesso e rarefatto allestimento concede la rilettura di due artisti “storici”, come Colombo e Griffa, accanto alle visioni del giovane Balula in un’efficace e seducente triangolazione: l’insieme del nuovo contesto favorisce un dialogo che lascia immergere l’osservazione nel contenuto poetico di queste opere che, perfettamente allestite nella singola autonomia e indipendenza, sanno anche partecipare ad una indagine, una riflessione comune e condivisa.
La Fondazione Carriero è un’organizzazione non profit che non vuole limitare il suo campo di intervento alla divulgazione e valorizzazione dell’arte e della cultura moderna e contemporanea solamente con mostre, ma anche con numerose altre attività come laboratori, visite guidate, conferenze, pubblicazione di cataloghi, formazione didattica, dibattiti e incontri finalizzati ad accogliere un pubblico quanto più vasto ed eterogeneo possibile.
Un’istituzione privata che cerca, quindi, di essere luogo per esplorare inedite frontiere culturali e essere interlocutore dinamico dove aprire una riflessione ad ampio raggio sul nostro tempo. 

Imaginarii. Gianni Colombo, Giorgio Griffa, Davide Balula
a cura di Francesco Stocchi 

16 settembre – 13 dicembre 2015

Fondazione Carriero
Via Cino del Duca 4, Milano 

Orari: sabato accesso libero ore 11.00-18.00; aperto tutti i giorni su appuntamento

Info: +39 02 36747039
info@fondazionecarriero.org
www.fondazionecarriero.org

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi