Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | Galleria Riccardo Crespi | 29 marzo – 20 maggio 2017

La mostra intitolata I disabitanti, nata da un progetto condiviso tra la Galleria Riccardo Crespi di Milano e Opifici Dal Re, vuole proporre una visione di opere peculiari che si pongono in un ambiguo territorio liminale che sospende i propri confini tra arte e design.
Le opere degli artisti protagonisti – Patrizia Giambi, Patrizia Dal Re e Gal Weinstein – propongono, infatti, un insieme di opere le cui caratteristiche e aspetti formali possono essere riferibili alla dimensione quotidiana dell’ambiente domestico, con soluzioni che possono, senza molte difficoltà, essere estese e proposte nell’ambito dell’abitare.
Tutti i loro interventi, quindi, dichiarano in modo evidente la propria connessione con possibili oggetti corrispondenti ad un uso e una “vivibilità” quotidiani: per Giambi e Dal Re sono le porte mentre per Weinstein è una sorta di cucina sgretolata a rivelare tale analisi ravvicinata con l’oggetto abituale e comune.

Gal Weinstein, Olive Pizza, 2003

Gal Weinstein, Olive Pizza, 2003

Ma questo apparentamento, in realtà, dopo una scrupolosa osservazione, arriva a rivelare altre condizioni estetiche, altre significazioni, altri rimandi: la loro vocazione non si muove verso un’interpretazione in senso stretto dell’abitare, al contrario, pare proprio pensarsi come un’intrigante conflittualità rispetto all’uso stesso e sembra (o vuole) dichiararsi, piuttosto, come un motivo di ispirazione per un dis-abitare.
Le porte non riparano e non isolano, la cucina non è adatta a cucinare, il separé non protegge ne consente il rispetto della privacy: ogni opera, quindi, lasciato lo studio dell’artista e nonostante l’immediato accostamento ad una praticità evidente, spezza l’idea rassicurante, innovativa e modernamente estetica di “casa”; non possono essere accolte nel focolare domestico per il quale parevano destinate avendo reso evidente la loro inadeguatezza ad essere usate. Questi lavori ci fanno riflettere su quanto sia sostanziale la separazione tra i significati che spesso sottintendiamo rispetto all’oggetto-opera, la sua creazione e la sua effettiva fruizione finale.

Gal Weinstein, Patrizia Giambi, Patrizia Dal Re. I Disabitanti
in collaborazione con Opifici Dal Re 

29 marzo – 20 maggio 2017

Galleria Riccardo Crespi
Via Mellerio 1, Milano 

Info: +39 02 89072491; +39 02 36561618
info@riccardocrespi.com
www.riccardocrespi.com

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi