Ti sarà inviata una password per E-mail
LECCO | Galleria Melesi | 22 settembre – 17 novembre 2012

La mostra personale Gaspare Works / Words 2008 / 2012 presenta varie serie di lavori, alcuni già noti altri inediti, del giovane artista e critico italiano. Nel ciclo Opera (2008-2012) l’artista realizza “tele nere” quadrate stratificando materiali eterogenei (olio, tempera, carbone, china, acrilico, etc…) ai quali aggiunge la cenere di alcune sue opere bruciate in precedenza. Lo stesso procedimento è seguito nella serie di tele rettangolari intitolata Art Notes (2011-2012), dove la cenere usata è quella dei propri fogli di appunti creativi e storico-critici.

Nella serie inedita Ostrakon (2010-2012) l’artista ha inciso il proprio nome su piccoli frammenti di terracotta dipinta di nero, metafora di solitudine e fragilità dell’uomo e delle sue opere. I lavori su carta della serieGaspare (2011-2012) sono ottenuti scrivendo e poi “sovrascrivendo” il suo nome centinaia di volte ruotando il foglio sui quattro lati, generando così, per stratificazione e intreccio, un “semplice” groviglio d’inchiostro nero. La scrittura si nega e si rigenera contemporaneamente tramite l’autoannullamento del soggetto. Inedito anche il ciclo Corpus Vitrearum (2012) composto da numerose “bottiglie” di vetro; in ciascuna bottiglia sono raccolte le ceneri di un suo lavoro, su tela o su carta, ottenuto sempre con la prassi di stratificazione di materiali eterogenei, e l’acqua coloratasi di nero durante la realizzazione del lavoro stesso. Una nuova armonia chimico-fisica, “essenza” del processo e dell’opera. I cubi della serie Brain(2012; ciascuno del formato di circa 11x11x11 cm), alludono al volume del cervello umano, all’idea del pensiero e della sua “energia”, della costruzione/distruzione dell’attività pensante e creativa; una versione infatti è in legno “carbonizzato”, un’altra in cera, una candela cubica che si distrugge (o si trasforma) bruciando. La ricerca di Gaspare, con l’uso complementare sia di tecniche e materiali tradizionali sia di oggetti poveri e quotidiani, si apre a un confronto dialettico con la storia dell’arte, della cultura e della scienza, basandosi anche sull’idea di un rapporto ciclico tra l’essere e il nulla, di distruzione e rigenerazione delle forme e della materia; il suo lavoro, oltre all’idea di “metamorfosi” – tramite l’uso del fuoco, della cenere e con la prassi della stratificazione – esprime anche una “sintesi”, materiale e metaforica, della propria memoria e della memoria storica e collettiva. Il tempo è protagonista dell’azione creativa. La scelta quasi ossessiva del nero – sintesi materica di tutti i colori – è legata all’idea del nulla, di enigma e assoluto espresso da quello che probabilmente è l’unico vero “non-colore”. Un nichilismo attivo e ciclico, aperto a riflessioni sul contesto della nostra contemporaneità.

Gaspare
Works / Words
2008 / 2012

Galleria Melesi
via Mascari 54, Lecco

Inaugurazione sabato 22 settembre 2012 dalle ore 18.30
22 settembre – 17 novembre 2012

Orari: martedì-sabato 16.00 – 19.00, altri orari su appuntamento
Info: +39 0341 360348 – +39 348 4538002 – info@galleriamelesi.com
www.galleriamelesi.com

 

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi