Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | A arte Studio Invernizzi | 24 settembre – 21 novembre 2013

La galleria A arte Studio Invernizzi inaugura un’interessante mostra che mette in dialogo le opere di due importanti interpreti dell’arte contemporanea: David Tremlett e Michel Verjux. Questa esposizione, che secondo la tradizione della galleria è pensata in stretta relazione con lo spazio espositivo, è anche il risultato di una particolare collaborazione tra l’artista inglese e l’artista francese.
Al piano superiore, dove sono presentate opere realizzate singolarmente, nella prima sala Verjux ha predisposto una proiezione luminosa, il cui fascio percorre, tangente al muro, tutto lo spazio espositivo, illuminando poi una porzione semicircolare della parete opposta della sala. Si apre quindi quell’intenso dialogo con la volumetria e la spazialità circostante così determinante per la sua ricerca. Tremlett, nella sala successiva, presenta un intervento cromatico angolare che, attraverso una progressione di fasce orizzontali di differenti dimensioni, tangenti le une alle altre, ridefinisce completamente la percezione spaziale di chi osserva.
Sempre di Tremlett è Construct, all’ingresso della galleria, che si pone in rapporto con l’opera Mini-découpe mur/plafond (source au sol) di Verjux al piano inferiore. Qui i due artisti hanno realizzato appositamente due opere a quattro mani, le quali intrecciano, in un inedito stretto dialogo e rapporto, tanto la poetica percettiva basata sulla luce di Verjux quanto il linguaggio cromatico di espressiva fisicità e volumetria di Tremlett.
Il primo intervento, Ambi-balance, si compone di due semicerchi – uno per ciascuno degli artisti – disposti sul muro e toccanti entrambi il pavimento: individuata una comune geometria, il cerchio, che scomposta in due parti uguali ribaltate, crea due forme identiche, ma con direzione e orientamento opposti. Infine Zipped – composto da un quadrato e un rettangolo – in cui i due artisti si sono alternati eseguendo un’opera dalla stessa misura: si generano due grandi forme – una proiettata, l’altra ottenuta dalla stesura del colore – che, in contatto tra loro, affiancate ai loro estremi da due sottili bande, frammentano la sconcertante continuità tra due materie e due masse tanto diverse.
In questa occasione è, quindi, possibile accedere in maniera ancora più determinate al ritmo peculiare della ricerca di questi due artisti che, nella reciprocità della visione e del dialogo, trovano inedite accensioni, contrasti ed equilibri. 

David Tremlett Michel Verjux. Lo spazio di un duo
a cura di Elena Forin

24 settembre – 21 novembre 2013

A arte Studio Invernizzi
Via Domenico Scarlatti 12, Milano

Orari: lunedì-venerdì 11.00-13.00 e 15.00-19.00; sabato su appuntamento

Info: +39 02 29402855
info@aarteinvernizzi.it
www.aarteinvernizzi.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi