Ti sarà inviata una password per E-mail
Polignano a Mare (BA) | Fondazione Pino Pascali | 25 febbraio – 7 maggio 2017

La Fondazione Pino Pascali inaugura la sua nuova stagione espositiva con tre mostre.
La prima, nel salone centrale, è White Tale, un dialogo tra uno scultore, Iginio Iurilli e il fotografo, Francesco Bosso, intorno al concetto di “bianco”, inteso come assoluto, trascendente, spirituale. Iurilli lavora sul concetto di materia espansa con sculture di polveri di quarzo, gesso, sale marino costruendo un alfabeto linguistico mediterraneo.

Iginio Iurilli, L'impronta di Giunone, 2012, 130 x 60 x 50, polvere di quarzo su materiali composti.

Iginio Iurilli, L’impronta di Giunone, 2012, 130 x 60 x 50, polvere di quarzo su materiali composti.

Bosso presenta, invece, una visione minimalista, mostrando il paesaggio in una sublime semplicità. Immagini fotografiche  di una natura in cui il concetto di sacro si dissolve lentamente nel biancore della purezza. La mostra è a cura di Antonio Frugis e il catalogo ospita un saggio del critico Walter Guadagnini. Come scrive in catalogo la direttrice del Museo Pascali, Rosalba Branà:

Il mare, l’acqua, il sale sono gli elementi che compongono il dialogo tra uno scultore e un fotografo, un dialogo muto che fa pensare al personaggio di Baricco in “Oceano Mare” Plesson, il quale dipinge il mare con l’acqua di mare e quando sulla tela anche le leggere ombre d’acqua lasciate dal pennello si asciugano e ritorna il bianco, si viene immersi in un silenzio illimitato…

1

Francesco Bosso, CRATER Study n.2 ITALY, 2010 silver gelatin print, selenium toned cm 47×47 mounted on matboard Museum acid free cm. 80 x 70 signed on bottom, stamp and number on back Edition of 9

Cristiano De Gaetano: Speed of Life, è invece una mostra antologica, a cura di Christian Caliandro che si dipana, snodandosi come un racconto vivo nelle sale laterali del Museo.

Cristiano De Gaetano, Family in the Old City (2007)

Cristiano De Gaetano, Family in the Old City (2007)

Il progetto espositivo illustra le fasi della ricerca e dell’opera dell’artista tarantino scomparso prematuramente nel 2013 a 37 anni, in quello che è stato concepito dal curatore e dal museo come un doveroso omaggio alla sua storia e alla sua ricerca. A partire dai lavori fotografici e alle opere in cera pongo attraverso la scoperta di tecniche e stili e indagine dei temi legati alla memoria, all’autobiografia e all’identità, fino all’ultima – e quasi inedita – produzione in ceramica, il lavoro sperimentale di De Gaetano si propone come riferimento originale ed eterodosso per l’arte di oggi. Il catalogo ospita i testi di Antonella Marino, critico d’arte e dello scrittore Marcello Fois, insieme a quelli di Rosalba Branà e Christian Caliandro.
Tra le opere più importanti in mostra: le stampe fotografiche della serie Size S size L (2004), Nurse (2005), Uncle (2006), Family in the Old City (2007), Woman in Flowers #2 (2007), Ice Age (2007), Collapse (2008), Morgan le Fay III (2008), Brothers (Frida e Giordano, 2009), Ombre (2010) e l’autoritratto in ceramica Untitled (2011).

Maria Antonietta Bagliato, Mare Morbido, Courtesy dell'Artista

Maria Antonietta Bagliato, Mare Morbido, Courtesy dell’Artista

Nella Project room il “Mare Morbido” di Mariantonietta Bagliato, a cura di Gaia Valentino e promosso dalla galleria Bluorg di Bari. L’installazione, un mare realizzato in stoffa, prende spunto dall’attualità, quasi cercando una soluzione fiabesca ad una tragedia sempre più frequente. Le stoffe realizzate sono scampoli di vita quotidiana dal potere evocativo in cui ciascuno può ritrovare se stesso, esattamente come nel mare, che diventa umano, come il confine che rappresenta e che va superato.
La mostra è il primo appuntamento del ciclo di appuntamenti ShowCase, una serie di mostre che coinvolgono le gallerie del territorio nella presentazione di solo show o progetti curatoriali – disegnati dalle gallerie stesse – nelle stanze della Project room, nel basement del museo.
Con questo progetto, che chiama in causa artisti provenienti da tutta Italia, la Fondazione Pino Pascali vuole dare spazio, all’interno di una sede istituzionale, alle gallerie e ai soggetti attivi in Puglia, ma che operano all’interno del sistema dell’arte su scala nazionale e non solo, offrendo allo stesso tempo agli spettatori un saggio importante della ricchezza presente sul territorio.

a White Tale
Francesco Bosso/Iginio Iurilli
a cura di Antonio Frugis; 

Cristiano De Gaetano: Speed of Life
a cura di Christian Caliandro; 

Maria Antonietta Bagliato
a cura di galleria Bluorg, nell’ambito del progetto ShowCase (project room)

25 febbraio – 7 maggio 2017
Inaugurazione 25 febbraio 2017, ore 19.00

FONDAZIONE MUSEO PINO PASCALI
Via Parco del Lauro 119, Polignano a Mare (BA)

Info: +39 080 4249534
www.museopinopascali.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi