Ti sarà inviata una password per E-mail
LECCE | E-lite studiogallery | 8 dicembre 2012 – 26 gennaio 2013

di IGOR ZANTI

Premessa fondamentale per comprendere la mostra Coexist – che inaugura dalla E-lite studiogallery di Lecce sabato 8 dicembre – sembra essere una riflessione sul concetto di arte fantastica ed il suo declinarsi nell’ambito del contemporaneo italiano.
Per arte fantastica si intendono tutte quelle esperienze che, pur partendo da un’ispirazione dedotta dalla realtà tangibile, attuano un superamento di quest’ultima per dare vita a realtà ed a mondi alternativi. Sotto l’egida del fantastico si possono, infatti, raggruppare modi di fare arte solo apparentemente differenti tra di loro, che vanno dal gotico al rococò, per giungere al simbolismo, al surrealismo, all’arte metafisica e, più recentemente, al pop surrealismo.

Con l’intento preciso di rivalutare la dimensione fantastica che pervade, come si è visto, da secoli, in diverse accezioni, il fare arte, Ivan Quaroni ha messo insieme una squadra di otto artisti indissolubilmente legati da un fil rouge interpretativo, che, superando le differenze formali, pervade tutte le opere in mostra.
Le esperienze, pur essendo molteplici, ben si armonizzano in un percorso che tocca elementi tanto vicini al realismo magico quanto al surrealismo ed al pop surrealismo.

Si passa, infatti, attraverso le epifanie di Carlo Cofano, dove la plausibilità del reale lascia spazio ad uno sconvolgimento semantico, per giungere alle vedute arcadiche del sardo Nicola Caredda, caratterizzate da un gusto di sapore tardo settecentesco ibridato da elementi simbolisti.

Da contraltare, ed in dialogo, si pongono le tre donne del gruppo, Anna Caruso, Jara Marzulli e Vania Elettra Tam, che fanno della figura umana – ed in particolare della figura femminil e- e della sua definizione con accenti iperrealistici, l’oggetto di indagine privilegiato, l’escamotage per aprire nuove accezioni del significante, un gate verso un’altra dimensione che coesiste con la realtà.

Saranno però i lavori di Tiziano Soro, El Gato Chimney e di Massimo Quarta che, in una sorta di crescendo, porteranno alla progressiva rinuncia della rappresentazione mimetica per addentrarsi in campi dove, in senso preciso, si percepisce una deriva che, superando addirittura il fantastico, vira verso la dimensione immaginifico.

La mostra è un antro del Bianconiglio dove la plausibilità e l’immediatezza della prima lettura cede il passo alla creazione di un nuovo sistema cognitivo, un nuovo modo di interpretare un’attitudine che continua ad influenzare il fare arte contemporaneo.

Coexist.
Eight different kind of fantastic art
a cura di Ivan Quaroni

Artisti: Nicola Caredda; Anna Caruso; El Gato Chimney; Carlo Cofano; Jara Marzulli; Massimo Quarta; Tiziano Soro; Vania Elettra Tam

8 dicembre 2012 – 26 gennaio 2013
Inaugurazione sabato 8 dicembre ore 18.30

E-lite studiogallery
Corte San Blasio 1c, Lecce

Orari: lun-sab 09.00-12.30 – 17.00-20.00

Info: info@elitestudiogallery.com
www.elitestudiogallery.com

 

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi