PALERMO | Giuseppe Veniero Project | 21 novembre 2016 – 6 gennaio 2017

di GIUSEPPE ALLETTO

La galleria Giuseppe Veniero Project di Palermo presenta una mostra personale Diario 99-’16 che fa luce sull’ultima produzione di Alfredo Rapetti Mogol.
L’oggetto principale della ricerca dell’artista milanese è il linguaggio. Dagli inizi eminentemente pittorici caratterizzati da un linguaggio figurativo nel senso esteso del termine (figurazione come rappresentazione di oggetti riconducibili alla realtà) Mogol passa all’”evocazione” pura, intesa qui come rimando “vago e indefinito” a qualcosa che va oltre il reale, mediante segni non direttamente riconducibili alla realtà. La lingua impiegata da Mogol è criptica, perché nelle sue opere si dipanano segni e codici che non appartengono a nessuna lingua storicamente codificata, ma al tempo stesso semplicissima, universale, capace di raggiungere chiunque.

Alfredo Rapetti Mogol, L'arte dev'essere libera, 2015, incisione su marmo, cm 8x95x7

Alfredo Rapetti Mogol, L’arte dev’essere libera, 2015, incisione su marmo, cm 8x95x7

Nella mostra da Giuseppe Veniero Project l’artista offre allo spettatore il risultato delle sue ultime ricerche, dalle opere monocrome in cui segni, quasi incisioni sulla pellicola pittorica, creano un alfabeto personalissimo e allo stesso tempo universale, alle opere in cui campeggiano lettere dell’alfabeto disposte in maniera non immediatamente leggibile e perciò votate a stimolare un intervento diretto e decisivo dello spettatore che è invitato a ricostruisce la dinamica convenzionale della comunicazione linguistica e, infine, ad afferrare il messaggio proposto dall’autore.

Alfredo Rapetti Mogol, veduta della mostra "Diario 99-016", Giuseppe Veniero Project, Palermo

Alfredo Rapetti Mogol, veduta della mostra “Diario 99-016”, Giuseppe Veniero Project, Palermo

La dinamica interattiva scatenata dalle opere di Mogol e la valenza concettuale della riflessione sul linguaggio sono, per così dire, “riscaldate” dall’impiego di differenti materiali dalla tela al marmo, alle composizioni in dittici e trittici alla scelta cromatica ricercata, riscontrabile soprattutto nelle opere con le lettere dell’alfabeto: tutti “sintomi” di una esigenza e di un interesse estetico che è da considerare elemento imprescindibile di qualsiasi espressione d’arte.

Alfredo Rapetti Mogol, Che sei nei cieli, neon

Alfredo Rapetti Mogol, Che sei nei cieli, neon

Alfredo Rapetti Mogol. Diario 99-016

21 novembre 2016 – 6 gennaio 2017

Giuseppe Veniero Project
Piazza Cassa di Risparmio 21, Palermo

Info: +39 333 6066232
info@veniero.it
www.giuseppevenieroproject.com

 

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •