Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | Complesso Museale “Chiostri di Sant’Eustorgio” | Fino al 30 aprile 2017

Il Complesso Museale “Chiostri di Sant’Eustorgio” con la mostra Intorno ai vasi sacri ha chiamato cinque tra i maggiori maestri del design italiano come Antonia Astori, Riccardo Dalisi, Michele De Lucchi, Alessandro Mendini, Paolo Rizzato a interpretare con le loro idee e visioni il tema del calice sacro rispettando e assolvendo, nella loro commissione, le regole del rito e le prescrizioni precise della liturgia.
Questa inusuale tematica porta all’attenzione del pubblico cinque pezzi inediti che, creati appositamente, cercano di interpretare, in modo moderno e contemporaneo, con lo stile dei loro esecutori, il calice, dando uno specifico valore al vaso sacro di maggiore importanza nella liturgia eucaristica, la cui forma definita e il cui scopo evidente, porta questa “forma” ad essere facilmente comunicata, anche oltre le singolari credenze, conoscenze e pratiche religiose.

Michele De Lucchi, Calice, altezza totale 20 cm, diametro coppa 9.5 cm; diametro massimo base 8.1 cm

Michele De Lucchi, Calice, altezza totale 20 cm, diametro coppa 9.5 cm; diametro massimo base 8.1 cm

Oggetto comune per ogni cristiano, il calice è, per definizione, quel “bicchiere” usato nella celebrazione eucaristica, per contenere il vino che, con l’ostia, rimanda alla comunione sacrificale col Cristo. Infatti, secondo il repertorio liturgico del milanese monsignor architetto Giuseppe Polvara edito nel 1950, del calice si dice:

“È il bicchiere che serve a celebrare la S. Messa. Deriva dal bicchiere usato dal Signore per convertire il vino nel suo sangue. Deve essere alto di fusto e nel fusto deve avere un nodo per sostenerlo con due dita. Deve avere almeno la coppa d’argento dorato all’interno. È il vaso più sacro.”

Un oggetto quindi che ritorna nella quotidianità e diventa “abituale”, un bicchiere dal lungo stelo che appare, tra gli oggetti liturgici, il più semplice, il più noto, ma anche il più simbolico e, per questo, il più facilmente indagabile da parte dei designer.
Afferma Marco Romanelli, curatore della mostra:

“Il calice è un oggetto che si stacca dalla quotidianità (della vita e della professione) per raccontare, come la si voglia giudicare, una storia millenaria e profondissima; un oggetto che, per milioni di persone, rappresenta molto altro da sé. […] Cinque calici, dunque, a segnare, con grande umiltà, ma altrettanta chiarezza, un punto preciso sulla linea del tempo e delle forme, per non dimenticarsi mai di ottemperare a un precetto che credo rappresenti una chiara e definitiva indicazione progettuale: Cantate Domino canticum novum.

Riccardo Dalisi, Calice, altezza totale 25 cm; diametro coppa 16.6 cm; diametro base 11.8 cm

Riccardo Dalisi, Calice, altezza totale 25 cm; diametro coppa 16.6 cm; diametro base 11.8 cm

Questa mostra vuole muovere lo spettatore a oltrepassare la dimensione dell’oggetto, artistico o di design, per cercare e cogliere il suo implicito e profondo significato che, però, nonostante questo forte senso liturgico, non ha dimesso la propria funzione primaria. I designer hanno, quindi, generato manufatti con cui, oltre a confermare il loro ruolo di creatori di forme estetiche, si sono messi alla prova rispetto anche all’osservanza di altre e più complesse regole funzionali le quali, aldilà dell’impostazione “tecnica”, costringono a pensare alla funzionalità rituale religiosa.
Alla chiusura della mostra, tutti questi calici entreranno nella collezione del Triennale Design Museum. Per la Design Week 2017, in occasione del Salone del Mobile, l’ingresso alla sola mostra Intorno ai vasi sacri sarà gratuito (4-9 aprile). 

Intorno ai vasi sacri. Cinque maestri del design italiano ripensano il calice
a cura di Marco Romanelli e Carlo Capponi
con la collaborazione di Laura Lazzaroni
col patrocinio del Vicariato alla Cultura della Arcidiocesi di Milano
organizzata in collaborazione con La Triennale di Milano-Triennale Design Museum e Material Connexion Italia
realizzazione Laboratorio di cesello e oreficeria della Scuola Beato Angelico di Milano
catalogo Corraini editore con l’introduzione del Cardinale Angelo Scola, testi di Natale Benazzi, Luca Bressan, Umberto Bordoni, Carlo Capponi, Claudia De Benedetti, Chiara Maggioni e Marco Romanelli

Progetti inediti di: Antonia Astori, Riccardo Dalisi, Michele De Lucchi, Alessandro Mendini e Paolo Rizzatto 

31 marzo – 30 aprile 2017

Complesso Museale “Chiostri di Sant’Eustorgio”
ingresso da Piazza Sant’Eustorgio 3, Milano

Orari: tutti i giorni 10.00-18.00; la biglietteria chiude alle ore 17.30
Ingresso Mostra + Museo Diocesano + Museo di Sant’Eustorgio e Cappella Portinari intero €6.00; ridotto individuale €4.00; ridotto gruppi adulti (parrocchie incluse, almeno 15 persone) €4.00; ridotto scuole e oratori €3.00; domenica 2 aprile 13.30-18.00, ingresso gratuito all’intero Complesso Museale “Chiostri di Sant’Eustorgio”; dal 4 al 9 aprile, ingresso gratuito alla sola mostra Intorno ai vasi sacri.

Info: +39 02 89420019
info.biglietteria@museodiocesano.it
www.museodiocesano.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi