Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | Dimora Artica | 19 dicembre 2014 – 10 gennaio 2015

Lo spazio espositivo milanese di Dimora Artica accoglie la mostra personale dell’artista Marco Cassarà che, introdotto da un testo critico di Andrea Lacarpia, presenta una serie di opere recenti che si compone del libro d’artista Pygmalion e del ciclo intitolato Heathen.

Marco Cassarà, 2014, tecnica mista e collage su copertina per lp, 31x31 cm

Con Pygmalion Cassarà guarda al concetto di memoria cosmica – ampiamente considerata anche dalle teorie teosofiche di Rudolf Steiner – intesa come luogo di stratificazione e accumulazione delle esperienze e degli accadimenti. Il cielo e il suo firmamento, infatti, racchiudono le energie di ogni storia avvenuta e in corso che, proprio nella dimensione siderale, lasciano una traccia indelebile, un riverbero invisibile del loro accadere. Guardando agli astri possiamo anche desumere come – questo resta uno snodo centrale per Cassarà – la percezione stessa diventi effimera, aleatoria e non comprovata: la luce di una stella che oggi ammiriamo, sappiamo bene, potrebbe essere già aver finito il suo ciclo da secoli. La percezione, quindi, è “unimpalpabile illusione”.
Le sue opere cercano di mettere in evidenza la drammatica posizione dell’uomo che vive la propria esistenza sul crinale di una corporeità fisica, concreta e mortalel’immaginazione infinita e impalpabile della sua mente e anima.

Marco Cassarà, 2014, tecnica mista e collage su copertina per lp, 31x31 cm

Cassarà ha il bisogno urgente di dar concretezza alle sue visioni fuggenti che, prolungando l’eredità del passato in una dimensione onirica, apre il decorso alle future immaginazioni. Il flusso di coscienza immaginativo dell’artista fornisce quelle apparizioni che da un tempo remoto, paiono nobilitarsi in una sospesa entità privata e sacrale al contempo. Profana e ugualmente religiosa.
In Heathen – opere realizzate con tecniche miste su custodie di vinili con assemblaggi di stampe, pittura, tessuti e materiali plastici cangianti e riflettenti – Cassarà estende l’esperienza di Pygmalion: componendo alcuni estratti dalla serie precedente, l’artista dichiara la forte influenza della musica nel suo lavoro. La cultura musicale diventa nuovo elemento che accompagna il nostro sguardo e la nostra sensibilità attraverso paesaggi mentali e immateriali che, dall’elevazione profonda ed estatica, rimandano alla più struggente introspezione. 

Marco Cassarà. Pygmalion
testo di Andrea Lacarpia 

19 dicembre 2014 – 10 gennaio 2015
inaugurazione venerdì 19 dicembre 2014 ore 18.30

Dimora Artica
via Matteo Maria Boiardo 11, Milano 

Orari: visite su appuntamento 

Info: +39 380 5245917
dimoraartica@gmail.com
www.dimoraartica.com

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi