Ti sarà inviata una password per E-mail
GENOVA | Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce | 13 giugno – 13 settembre 2015

Collezionare gli artisti ai loro esordi come forma di scommessa sul futuro, intuire le svolte dell’arte contemporanea. La collezione Bertola nata a Genova nel 1975 grazie all’amicizia con personaggi come Ida Gianelli o Germano Celant riunisce lavori di artisti internazionali e italiani la cui valenza radicale resta a tutt’oggi indiscussa.

La parola Collezione indica normalmente una raccolta più o meno sistematica di oggetti, riuniti per il loro valore intrinseco, il loro interesse storico, artistico o scientifico. Al di là delle definizioni convenzionali, una Collezione può racchiudere in sé molteplici significati e diverse chiavi di lettura. Collezionare è infatti spesso, non solo una semplice raccolta di manufatti, quanto piuttosto il frutto di scelte che riflettono la personalità di chi intraprende questo percorso.

Genova, casa Bertola, foto Nuvola Ravera

La Collezione riunita negli ultimi quarant’anni da Sergio Bertola più che di una ricerca “scientifica” è soprattutto il frutto di un amore quasi viscerale non solo per le opere d’arte, ma anche per un ambiente aperto e ricettivo all’interno del quale lo stesso collezionista ha trovato e condiviso numerosi stimoli. Una passione nata quasi per caso negli anni Settanta quando, spinto da una forte curiosità, Sergio Bertola inizia a frequentare le poche gallerie presenti a Genova, tra le quali la Samangallery, diretta da Ida Gianelli, dove tra le altre, vede quelle che per lui sono le prime mostre di Giovanni Anselmo, Joseph Beuys, Daniel Buren, Joseph Kosuth e Sol LeWitt.

Risalgono a questi anni i primi timidi acquisti che includono, non solo opere, ma anche grafiche, stampe e multipli. Soprattutto si fanno sempre più assidue le frequentazioni in ambito artistico che portano il collezionista a stringere amicizie, anche di lunga durata, con artisti, galleristi e curatori. Nel frattempo la Collezione si viene pian piano formando, affiancata da una collezione parallela di proprietà del ristorante che gestisce con il fratello, e che viene frequentato di diversi artisti di passaggio a Genova.

Genova, casa Bertola, foto Nuvola Ravera

La Collezione cresce eterogenea attraverso una serie di opere che, scelte secondo inclinazioni personali, forniscono una lettura della ricerca artistica degli ultimi cinquanta anni attraverso opere che vanno dall’Arte minimalista e concettuale, all’Arte povera, fino alle ricerche recenti di artisti delle ultime generazioni. Pur essendo una Collezione nella quale si possono riconoscere, come punto di partenza e possibile filo conduttore, gli epitomi della ricerca concettuale, nel corso degli anni essa si è arricchita di lavori che, riflettendo maggiormente le attitudini e le passioni del proprietario, presentano una forte matrice ironica e una visione quasi scanzonata della realtà contemporanea.

La forza e la peculiarità di questa Collezione è il suo essere in continuo divenire, la sua costante spinta di rinnovamento, per garantire la quale Sergio Bertola non ha esitato a rinunciare a opere che lo accompagnavano da tempo pur di assecondare la sua innata passione. Le opere che la compongono sono il risultato di scelte istintive e spesso azzardate che, lontane dai dettami del mercato, dimostrano piuttosto un costante interesse verso le ricerche degli artisti più giovani.

Collezionare il futuro. 40 anni della collezione di Sergio Bertola
a cura di Chiara Oliveri Bertola e Ilaria Bonacossa

13 giugno – 13 settembre 2015

Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce
Via Jacopo Ruffini 3, Genova

Info: + 39 010 580069 / 585772
www.villacroce.org


Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi