BRESCIA | Museo di Santa Giulia Brescia | 7 aprile – 18 settembre 2016

di MATTEO GALBIATI 

Ad oggi monta l’attesa e il fermento per l’opera – che si preannuncia davvero stupefacente – The Floating Piers, Project for Lake Iseo, il grande progetto che Christo (1935), noto al grande pubblico per i celebri “impacchettamenti” e per i monumentali interventi ambientali, sta preparando ed allestendo per il lago d’Iseo. Aspettando questa colossale e immensa installazione fluttuante per la località bresciana, i visitatori, dall’inizio di aprile, hanno comunque modo di poter leggere ed approfondire il lavoro e le ricerche dell’artista americano e della sua compagna in una grande mostra che il Museo di Santa Giulia ha appositamente allestito per l’occasione.

Christo, The Floating Piers, Project for Lake Iseo, Italy, 2014

Christo, The Floating Piers, Project for Lake Iseo, Italy, 2014

Christo and Jeanne-Claude. Water Projects – va doverosamente citata la compagna di una vita del maestro, Jeanne-Claude Denat de Guillebon (1935-2009), semplicemente Jeanne-Claude, moglie e partner fidata con cui ha generato un sodalizio lungo oltre cinquant’anni – presenta un ampio quadro generale sulla poetica degli artisti, attraversando, in modo specifico, la lettura di quei progetti che hanno avuto, come epicentro dell’intervento, l’acqua, elemento che ritorna spesso come termine di confronto in molte opere da loro realizzate in giro per il mondo.
Sotto la regia di Germano Celant, critico e amico del duo di artisti, questa mostra vuole essere, come ampiamente dibattuto e osservato in precedenza, una puntuale lettura critico-scientifica che ha portato a Brescia oltre 150 loro opere grazie alla collaborazione generosa dello studio stesso di Christo, di prestatori istituzionali e di numerosi collezionisti privati. Il museo bresciano ha predisposto un percorso che si snoda in oltre 2.000 metri quadrati che accolgono un insieme davvero eterogeneo di materiali che comprendono studi, disegni, collage originali, modelli in scala, fotografie delle realizzazioni, video e docu-film con i quali – anche se al chiuso di uno spazio espositivo – il visitatore ha modo di confrontarsi con il gigantismo delle realizzazioni dei due maestri americani: palazzi, montagne, scogliere, monumenti, parchi sono solo alcuni degli elementi che vengono impacchettati, coperti, sottolineati con materiali artificiali che accentuano, occultandola, la loro naturale presenza.

Christo and Jeanne-Claude, Surrounded Island, Biscayne Bay, Greater Miami, Florida, 1980-83, 600.850 square meters (6,5 million square feet) of fabric floating on the water. 11 islands Photo: Wolfgang Volz (c) Christo 1983

Christo and Jeanne-Claude, Surrounded Island, Biscayne Bay, Greater Miami, Florida, 1980-83, 600.850 square meters (6,5 million square feet) of fabric floating on the water. 11 islands Photo: Wolfgang Volz
(c) Christo 1983

Le potenzialità espressive peculiari dei paesaggi in cui intervengono, si evidenziano e si marcano ulteriormente, mettendo enfasi su quegli aspetti che catalizzano la nostra visione e il nostro sguardo, coinvolgendoci in una definizione del mondo che ci circonda ancor più attenta.
La mostra non aiuta solo a comprendere la riflessione sui temi delle loro ricerche, ma lascia scoprire e svelare anche la lunga fase che precede queste creazioni che risultano solo apparentemente “semplici”: in ogni contesto si deve studiare l’ambiente, percepirne caratteristiche, spinte, peculiarità, con un’indagine intensa e immersiva, solo dopo questo si accede poi alla fase progettuale che impegna il loro lavoro in un continuo rivedere soluzioni, specificare materiali, forme e modalità di intervento e infine si arriva alla lunga e articolata fase realizzativa vera e propria che, in virtù delle dimensioni dei luoghi, impegna numerose altre maestranze e specialisti.
L’anima del loro lavoro qui si svela, allora, anche in quei “segreti” aspetti che poi, nell’opera finita, non si è abituati a conoscere e vedere: secondo un viaggio cronologico, i contenuti e le visioni di Christo e Jeanne-Claude denunciano una pratica artistica fatta anche di tempo, un tempo lungo di attese e attività che genera il carattere, poetico e forte, della loro anima che vive una relazione specifica e connotante con l’ambiente e il contesto naturale o artificiale che sia in cui si trovano ad operare.
Ecco che questa mostra – che il pubblico non deve intendere né come marginale né come aggiuntiva al progetto di Iseo, ma assolutamente compenetrante – acquisisce un valore importante di approfondimento della conoscenza di due artisti che hanno definito, con il loro linguaggio paradossale e stupefacente, e continuano a scriverlo, un brano importante della storia dell’arte contemporanea.

Christo and Jeanne-Claude, Wrapped Cost, one Million Square Feet., Little Bay, Sydney, Australia, 1969, 100 x 150 cm Photo Harry Skunk

Christo and Jeanne-Claude, Wrapped Cost, one Million Square Feet., Little Bay, Sydney, Australia, 1969, 100 x 150 cm Photo Harry Skunk

In attesa di intervistare (forse!) il maestro e di ammirare dal vivo The Floating Piers, Project for Lake Iseo dal vivo in tutta la sua grandiosa e preannunciata bellezza e suggestione, consigliamo la visita alla mostra di Santa Giulia (mostra che dura ben oltre l’installazione del lago), con cui ben ci si predispone a quello che Christo ha da dirci nel suo modo migliore: l’apertura alla maestosità del mondo, di cui l’uomo resta sempre piccola, grande, cosa.

Christo and Jeanne-Claude. Water Projects
a cura di Germano Celant
promossa e prodotta da Fondazione Brescia Musei
promossa da Comune di Brescia
in collaborazione con CVJ Corporation, New York (U.S.A.)
con il patrocinio di Regione Lombardia, Provincia di Brescia, Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Brescia, Associazione Industriale Bresciana
catalogo in versione italiana e inglese Silvana Editoriale  

7 aprile – 18 settembre 2016

Museo di Santa Giulia Brescia
Via dei Musei 71B, Brescia 

Orari0: 7 aprile – 15 giugno da martedì a venerdì 9.30-17.30, sabato e domenica 9.30-19.00 giovedì apertura straordinaria fino alle 22.00; 15 giugno – 18 settembre da martedì a domenica 10.30-19.00, giovedì apertura straordinaria fino alle 22.00
Ingresso intero €10.00; ridotto €8.00; ridotto speciale €6.00; 6-13 anni €4.50; famiglia con figlio €20.50; famiglia con due figli €25.00; famiglia con tre figli €29.50; gruppi e scuole €6.00; scuole dell’infanzia €1.50; visite guidate €110.00 

Info: +39 030 2977833 – 834
santagiulia@bresciamusei.com
www.bresciamusei.com

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •