Ti sarà inviata una password per E-mail
POLIGNANO A MARE (BA) | Fondazione Museo Pino Pascali | 24 settembre 2016 – 29 gennaio 2017

Inaugura domani presso la Fondazione Museo Pino Pascali di Polignano a Mare (BA) la mostra del XIX Premio Pino Pascali che, quest’anno, la commissione ha voluto conferire a Christiane Löhr.

Christiane Löhr, Turm (torre), 2015, semi di edera, 13x25x25 cm

Christiane Löhr, Turm (torre), 2015, semi di edera, 13x25x25 cm

Questa la motivazione con cui si è pronunciata la commissione del prestigioso riconoscimento:

“Christiane Löhr, protagonista del panorama internazionale, crea raffinate opere e installazioni con elementi della natura, utilizzando semi, gambi, foglie di diverse piante, o elementi organici come i crini di cavallo. Le impalpabili installazioni legate ai cicli stagionali della terra sono esili e fluttuanti architetture ambientali piene di energia vitale e partecipano allo spazio che le ospita infondendo senso di bellezza e armonia.”

L’artista tedesca, nota ed apprezzata per il suo lavoro che esprime il mistero della delicatezza e della forza della natura, riunisce per l’occasione una serie di recenti sculture – alcune delle quali realizzate appositamente per la mostra – accanto a installazioni site specific che dialogano con le specificità del Museo Pino Pascali, che incontrano lo spettatore disponendosi tra le pareti e il pavimento della grande sala centrale. Queste opere, effimere e fragili (apparentemente), dialogano con la loro presenza-assenza, voluta e casuale, con i colori del luogo, con le sue luci variabili, a restituire una percezione nuova dell’architettura e divenendo loro stesse spazio architettonico nell’ambiente museale.

Christiane Löhr, Foto Salvatore Mazza

Christiane Löhr, Foto Salvatore Mazza

Le leggere trame, gli intrecci e le composizioni di crini, erbe e semi, si muovono in continuo equilibrio bilanciato tra levità e densità, tra permanenza e sparizione: qui l’artista, ricorrendo agli usuali elementi naturali e materie organiche, lega i materiali alla ceramica e al bronzo e, sul terrazzo della Fondazione, lascia che l’opera possa mutare nel tempo adeguandosi ai cambiamenti climatici.
Chiarisce la stessa artista:

“Da molto tempo sto riflettendo su visibile/non-visibile. Per questo lavoro mi sono riferita ad un’opera che avevo realizzato durante una borsa di studio a Parigi tra il 1999 e il 2000. In quel periodo avevo scoperto la ceramica asiatica e lavorando con la creta volevo capire come una forma si apre verso il cielo e come tocca il suolo. Il punto di partenza delle dieci sculture che comporranno l’installazione al Museo Pascali sono le forme geometriche. Ognuna è modulata con un gesto semplice, diretto e ripetitivo, puntando verso la dissoluzione e disgregazione del materiale.”

In occasione del Premio Löhr ha realizzato anche una scultura nell’ambito di Art Open Air (progetto SAC) per arricchire il patrimonio del Giardino delle sculture.
Si segnala anche che nel basement della Fondazione si ha modo di ammirare una ricognizione storica sul Premio Pino Pascali che, a partire dal 1997, quando fu ripristinato dopo vent’anni di interruzione, arriva ai giorni nostri e documenta tutti i vincitori.

Christiane Löhr, Kleiner Samenbeutel (piccola borsa di semi), 2010, pappi, retina, chiodo, 15x10x9 cm

Christiane Löhr, Kleiner Samenbeutel (piccola borsa di semi), 2010, pappi, retina, chiodo, 15x10x9 cm

Rosalba Branà, direttrice del Museo, ha ripreso il regolamento originario redatto da Palma Bucarelli per assegnare annualmente il Premio ad un artista o ad un personaggio del mondo dell’arte di levatura internazionale tra una rosa di nomi indicata da esperti, rinnovati ogni anno dalla stessa direttrice. Il premio Pino Pascali è stato conferito a: Achille Bonito Oliva (1997), Giovanni Albanese (2002), Marco Giusti (2003), Studio Azzurro (2005), Lida Abdul (2006), Adrian Paci (2007), Jan Fabre (2008), Jake & Dinos Chapman (2010), Bertozzi e Casoni (2011), Nathalie Djurberg (2012), Mat Collishaw (2013), Fabrizio Plessi (2014) e AES+F (2015).

Christiane Löhr. Premio Pino Pascali, XIX edizione
testo in catalogo di Viktor Misiano
si ringrazia Tucci Russo Studio per l’Arte Contemporanea che rappresenta Christiane Löhr in Italia 

Commissione: Rosalba Branà (direttrice Museo Pino Pascali), Dobrila Denegri, Antonio Frugis

24 settembre 2016 – 29 gennaio 2017
Inaugurazione sabato 24 settembre ore 19.00

Fondazione Museo Pino Pascali
via Parco del Lauro 119, Polignano a Mare (BA)

Orario: da martedì a domenica 11.00-13.00 e 17.00-21.00; lunedì chiuso; la biglietteria chiude mezz’ora prima del museo
Ingresso €2.00, eventuali riduzioni a chi ne ha diritto 

Info: +39 080 4249534; +39 333 2091920
www.museopinopascali.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi