Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | Theca Gallery | 22 settembre – 29 ottobre 2016

La Theca Gallery di Milano inaugura oggi la mostra che vede protagoniste due artiste, Christiane Beer (1965) e Elena Modorati (1969), il cui lavoro, in un codice minimo, propone una felice risoluzione tra concretezza dell’opera d’arte e l’intuizione del pensiero filosofico.
Beer e Modorati, infatti, con il terrain vague intendono proprio l’incontro tra arte e filosofia, unione che fonde l’intuizione con la materia, la speculazione con la concretezza, l’effimero dell’idea con la dimensione dello spazio-ambiente. Bachelard o Didi-Hubermann sono alcuni punti di riferimento per iniziare riflessioni che esprimono la costante interrogazione condizionante (o determinante) del pensiero, immobile e irrefrenabile, sull’espressività dell’arte. Uno scambio, questo, che non resta mai a senso unico, ma sa trovare una reciprocità inversa di influenze.

Christiane Beer + Elena Modorati. Terrain vague, l'oscillazione e la traccia, veduta parziale della mostra, Theca Gallery, Milano

Christiane Beer + Elena Modorati. Terrain vague, l’oscillazione e la traccia, veduta parziale della mostra, Theca Gallery, Milano

Dice il curatore Roberto Borghi:

Terrain vague ovvero spazio refrattario a definizioni, superficie sdrucciolevole che rende scivoloso ogni approccio sociologico e urbanistico, non luogo venato di tentazioni metafisiche alle quali però risulta arduo cedere.
Sul terrain vague di questa mostra si collocano, in modo volutamente problematico, le opere di Christiane Beer e di Elena Modorati. Ad accomunarle sono alcune tracce di indagini filosofiche: anzitutto sulla soglia nel pensiero di Carlo Sini, ma anche sulla “immensità intima”, la formula coniata da Gaston Bachelard per definire la sua idea di casa, e in fondo anche la sua concezione dello spazio tout-court. Per farsi intima, l’immensità deve cercare il “contatto più profondo tra piccolo e grande”, tra punto di vista e orizzonte, tra singolo battito e ritmo. Per divenire immensa, l’intimità deve possedere “il carattere dell’intensità”, deve aprirsi alla “vastità dell’immaginazione poetica”, deve accettare che “lo spazio intimo e lo spazio esterno si incoraggino, per così dire, nella loro crescita”.”

I riferiementi alla storia non mancano: Terrain vague è la serie di Man Ray del 1929, anno della violenta crisi economica. È il film di Marcel Carné del 1960 che racconta le vite di ragazzi della banlieu. Poi, nella metà degli Anni ’90, Ignasi de Solà-Morales usa questa espressione per esprimere il concetto urbanistico di uno spazio post-industriale in cui la temporalità, il vuoto e la sospensione si legano a nuove e attese possibilità future.
Beer e Modorati dialogano con una poesia che si racconta alla soglia dell’inudibile e dell’invisibile e, sondando i reconditi “ambienti” della mente e dell’anima, apre orizzonti alla liricità di un’estetica raccolta e intima, silenziosa, quanto prepotentemente risonante. 

Christiane Beer + Elena Modorati. Terrain vague, l’oscillazione e la traccia
a cura di Roberto Borghi 

22 settembre – 29 ottobre 2016
Inaugurazione giovedì 22 settembre 2016 ore 19.00 

Theca Gallery
via Tadino 22, Milano

Orari: da martedì a venerdì 14.00-20.00; sabato 14.00-19.00; altri orari su appuntamento

Info: +39 380 6836439
gallery@theca-art.com
www.theca-art.com 

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi