Ti sarà inviata una password per E-mail

Ci siamo. Giunge alla terza edizione, Ceres4art, il contest dedicato all’arte giovane italiana invitata ad interpretare con la propria creatività il marchio Ceres.
Dietro al progetto, la nota azienda produttrice di birra, che per il secondo anno, collabora con la MyOwnGallery di Milano alla realizzazione di una mostra, dal 4 al 10 marzo. 20 gli artisti selezionati da una giuria tecnica. Chi sarà l’Artista Ceres dell’Anno? La commissione presto si pronuncerà e in attesa di sapere chi si aggiudicherà l’ambito premio parliamo con Mario Vinciguerra, responsabile Marketing del gruppo Ceres e con la curatrice Valentina Pesati. Scopriamo come possiamo partecipare anche noi alla proclamazione del vincitore…

Francesca Di Giorgio: Quella che sta per inaugurare è la terza edizione del progetto/premio Ceres4Art. Qual è la sua filosofia e quali sono stati i “numeri” e i riscontri negli anni passati?
Mario Vinciguerra e Valentina Pesati: La filosofia di Ceres4Art nasce da una più ampia filosofia aziendale che ha come elemento chiave l’interesse di Ceres a parlare la lingua del suo target, i giovani, trovare nuovi e diversi argomenti per alimentare e far crescere il dialogo tra loro e la marca, stare al loro fianco in modo costruttivo.
L’arte che Ceres promuove è infatti arte giovane, metropolitana, underground, all’interno della quale i giovani artisti emergenti coinvolti possono spaziare liberamente, scegliendo tra installazioni, fumetti, fotografia e tecniche tradizionali e traendo ispirazione dalla street e dalla pop art.
Creare un evento d’arte, che piano piano si sta conquistando il ruolo di appuntamento fisso, si muove esattamente in questa direzione: ricercare e valorizzare un patrimonio culturale e creativo giovane, che spesso fatica a uscire dall’ombra delle metropoli.
Ceres4art è, in larga parte, la concretizzazione del legame stretto con i giovani e del desiderio di Ceres di offrire occasioni nuove ai talenti emergenti.
Nel tempo l’iniziativa è cresciuta: da semplice serata è diventata poco per volta una piccola vera mostra, che rimane aperta per una settimana.
In 3 edizioni abbiamo lavorato con 60 artisti, e grazie all’attività di promozione e visibilità attraverso il web, in particolar modo quest’anno, con l’apertura del bando online, abbiamo moltiplicato incredibilmente i contatti.
Nel 2008, la mostra ha accolto circa 300 ospiti, l’edizione 2009 li ha visti aumentare fino a 500, con molti altri visitatori durante la settimana di permanenza della mostra. È sicuramente interessante constatare come la mostra Ceres4Art non sia percepita solo come un evento Ceres ma come una vero e proprio evento d’arte.

Qual è il filo conduttore di quest’anno e in cosa consiste il premio?
Il tema del premio Ceres4Art 2010, sul quale i 20 artisti finalisti sono stati chiamati ad esprimere la loro creatività, è basato sull’immagine e la percezione della birra Ceres Strong Ale come icona del mondo giovanile anche a livello culturale, con l’obiettivo di approfondire il legame con l’arte contemporanea e i giovani artisti affermati ed emergenti.
È con la creatività e il talento che questi giovani artisti immortaleranno, come nelle edizioni precedenti, l’universo giovane, surreale, underground di Ceres. Filo conduttore della mostra è, inoltre, un’idea di arte accessibile, che avvicini l’universo giovane all’arte e all’espressione in generale. I premi che i vincitori si aggiudicheranno sono in denaro.

20 le opere finaliste in mostra dal 4 marzo alla MyOwnGallery di Milano. Come sono state selezionate e come si arriverà a decretare il vincitore?
La qualità, la ricerca, l’innovazione e la contemporaneità sono i criteri fondamentali della selezione.
Il premio si suddivide in tre sezioni: pittura, scultura e arte fotografica.
Per la prima volta rispetto agli anni precedenti è stato pubblicato un bando online, che invitava i giovani artisti a sottoporre il proprio curriculum artistico a una giuria di esperti che avrebbe selezionato i 20 partecipanti all’edizione 2010 della mostra.
Una Commissione di Selezione e una Giuria di Premiazione, entrambe composte da rappresentanti del mondo dell’imprenditoria, della cultura e dell’arte, sono state chiamate a giudicare le opere presentate dagli artisti, per decretare i 20 finalisti.
Le foto delle opere finaliste selezionate dalla Commissione competente potranno essere votate dal pubblico sul sito www.ceres.com: l’opera che avrà ricevuto il maggior numero di voti sarà la vincitrice.
La Giuria di Premiazione assegnerà un secondo premio giuria Ceres4Art, all’opera che si sarà distinta per la qualità, la ricerca, l’innovazione e la contemporaneità.
Ultimo, non per importanza, è il premio Bottiglia Art Edition: l’opera che verrà scelta diventerà la livrea della prossima bottiglia Art Edition di Ceres.
La bottiglia di Strong Ale era stata vestita ad arte e messa in vendita in edizione limitata, per la prima volta, due anni fa, in occasione del 150° anniversario di Ceres. Ora, la bottiglia Art Edition, diventa la nuova “bottiglia da collezione edizione limitata”.

Com’è nata la collaborazione con la MyOwnGallery?

La scelta della MyOwnGallery, location per l’edizione 2009 di Ceres4Art e replicata anche quest’anno è stata sin dal principio dettata dall’esigenza di avere un contenitore più grande e adeguato per un progetto che stava crescendo d’importanza e popolarità, per dare maggiore rilievo, credibilità e riscontro, per destare ancora più interesse nel pubblico e si è rivelata un’ottima scelta anche in termini di professionalità. Inoltre, la location, situata nel quartiere dei giovani creativi, è un popolare “nido” della crème creativa milanese, luogo ideale d’incontro tra lo spirito Ceres e la forza delle opere dei 20 artisti.

Quali anticipazioni potete darci per la serata inaugurale della mostra? Abbiamo letto di un intervento speciale di Pao e…
Il 4 marzo è la giornata inaugurale di Cere4Art. Per l’occasione abbiamo pensato ad un open day che desse la possibilità a tutti di poter visitare la mostra, dal mattino alla sera. Per la serata, ad accogliere gli ospiti ci sarà un ospite d’eccezione del panorama dell’arte “street” contemporanea: l’artista Paolo Bordino, in arte Pao si esibirà in un live painting su una bottiglia di birra formato gigante!

Il progetto in breve:
Ceres4art
MyOwnGallery (Superstudio Più)
Via Tortona, 27, Milano
Info: +39 02 77336403
www.ceres4art.it
4-10 marzo 2010
Artisti selezionati per il progetto:
Nicola Alessandrini, Marco Barbieri (DEM), Fabrizio Bragherio (Bixio), Marco Campori (El Gato Chimney), Samantha Casolari, Nadia Collura, Giordano Curreri, Ivana Falconi, Andrea Francolino, Ivan Lardschneider, Andrea Martinucci, Jara Marzulli, Opiemme, Max Papeschi, Carlo Pasini, Michele Quadri, Tina Sgrò, Gigi Tarantola (GGT), Chiara Todero, Giuseppe Veneziano

In alto da sinistra:
Andrea Francolino, Ceres Che
Ivana Falconi, The Queen
Carlo Pasini, Autodifesa
Ivan Lardschneider, Ceres Strong man

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi