Ti sarà inviata una password per E-mail
VITULANO (BN) | Casa Turese Arte Contemporanea | 3 ottobre – 30 novembre 2015

A Vitulano (BN) Casa Turese Arte Contemporanea mette in mostra quindici lavori inediti che raccontano le visioni e il mondo dell’artista di origini napoletane Stefano Di Stasio (1948); caratteristica peculiare di questa esposizione è di concentrarsi unicamente sulle opere su carta.
Il pubblico ha modo di ammirare bozzetti a matita, ma anche tempere e tecniche miste che l’artista partenopeo ha concepito quasi fossero la materializzazione di apparizioni fragili che, sottolineate dalla sua maestria, si propongono anche come una sorta di diario operativo della sua creatività. Di Stasio si presenta con le sue visioni surreali, traduzioni di un’intuizione che, mossa dall’inconscio, sa trovare la propria libertà creativa in queste apparizioni dirompenti ed espressive.
Le sue opere rimandano ad equilibri nascosti, ad intimità celate, a segreti che si svelano e scoprono d’improvviso; tutto appare come una rivelazione che Di Stasio sa promuovere fuori dal tempo, rende voce a ritualità sopite regalandole allo sguardo. Guarda nel sentimento occultato che viene liberato attraverso i suoi segni, le sue forme e trova così spazio e modo per avere corrispondenza nell’altro, in chi guarda.

Stefano Di Stasio, Nostalgia del sacrificio, 1997, tecnica mista su carta, 50x40 cm

Le sue opere su carta sono guide che ci fanno seguire le scelte creative della realtà dell’artista che, nei panorami ampi delle sue idee, si dischiudono nella complessità silenziosa della propria intimità; ecco allora che queste scene disegnate – o dipinte – possono acquisire, pur nella loro forte connotazione surreale, una valenza personale, biografica che si rilancia, in un secondo momento, nella reciproca condivisione.
La figurazione dell’artista, superati gli ovvi valori tecnici, si misura con il senso della percezione umana che, tra descrizione e simbolo, ricerca il vivo delle emozioni.
Le carte, forti di una preziosità del segno e dell’eleganza delle forme, portano lo sguardo a sentire le interrogazioni importanti che si generano nell’animo degli uomini e che portano ad un reciproco confronto e comprensione.
Il catalogo, edito per l’occasione, contiene una speciale dedica a Gianfranco Matarazzo, giovane gallerista e direttore di GiamaArt Studio di Vitulano, prematuramente scomparso il marzo scorso, e, presentato nel giorno del suo compleanno, comprende gli omaggi di Tommaso De Maria, direttore di Casa Turese, Luigi Mauta, curatore della mostra, e dello stesso Stefano Di Stasio che gli dedica un disegno.

Stefano Di Stasio. Carta canta
a cura di Luigi Mauta 

3 ottobre – 30 novembre 2015
Inaugurazione sabato 3 ottobre 2015 ore 18.30 

Casa Turese Arte Contemporanea
via Fuschi di Sopra 64/87/89, Vitulano (BN) 

Info: +39 0824 874650
info@casaturese.it
www.casaturese.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi