FRANCAVILLA AL MARE (CH) | Museo Michetti – Palazzo San Domenico | 23 luglio – 31 agosto 2016

Il Premio Michetti, una delle istituzioni più longeve e ricche di storia nel panorama della modernità e contemporaneità artistica italiana, ritorna al passato, e al tempo stesso si proietta nel futuro. Il “ritorno” consiste nell’affidamento di questa nuova edizione del Premio a uno dei suoi curatori storici, Luciano Caramel, che aveva lavorato per l’ultima volta alla rassegna abruzzese nel 2005 e, con questa, vede arrivare a quattro le edizioni da lui curate. Lo slancio verso il futuro è invece rappresentato dal particolare tema scelto per l’edizione di quest’anno, quello concentrato sull’“Oltre”, letto secondo la chiave interpretativa della fisica contemporanea.

Oltre: nel cosmo, nell’incognito degli universi e dello spaziotempo della contemporaneità. LXVII Premio Michetti, veduta della mostra, Museo Michetti – Palazzo San Domenico, Francavilla al Mare (CH)

Oltre: nel cosmo, nell’incognito degli universi e dello spaziotempo della contemporaneità. LXVII Premio Michetti, veduta della mostra, Museo Michetti – Palazzo San Domenico, Francavilla al Mare (CH)

Fisica e arte, due campi ben distanti da un punto di vista strettamente disciplinare, eppure legati da numerosi incontri, spunti reciproci, ricadute talvolta insospettabili, hanno qui in comune appunto il riferirsi a un “oltre”, a ciò che supera ed eccede il già noto: arte e fisica si occupano entrambe di ciò che non può essere contenuto nei limiti, necessariamente ristretti, della comprensione immediata, e lo fanno con metodologie radicalmente differenti che lasciano però spazio a un’interazione e a un’influenza reciproca.
Nella presentazione della mostra, il professor Caramel ha insistito, non a caso, sull’ispirazione datagli dal fortunatissimo volume di Carlo Rovelli (Sette brevi lezioni di fisica, Adelphi), nel quale il grande scienziato, proponendosi di spiegare alcuni concetti fondamentali della disciplina ai non addetti ai lavori (o agli aspiranti addetti ai lavori), punta innanzitutto sull’aspetto creativo, visionario della ricerca fisica, e sulla natura essenzialmente poetica e filosofica delle sue conseguenze sul mondo.

Oltre: nel cosmo, nell’incognito degli universi e dello spaziotempo della contemporaneità. LXVII Premio Michetti, veduta della mostra (Valdi Spagnulo), Museo Michetti – Palazzo San Domenico, Francavilla al Mare (CH)

Oltre: nel cosmo, nell’incognito degli universi e dello spaziotempo della contemporaneità. LXVII Premio Michetti, veduta della mostra (Valdi Spagnulo), Museo Michetti – Palazzo San Domenico, Francavilla al Mare (CH)

La mostra si compone pertanto di lavori ispirati, ciascuno a suo modo, a principi della fisica contemporanea, a suggestioni e a letture collaterali degli sviluppi recenti di questa scienza, dal paradosso di Schrödinger ai buchi neri, dalle onde gravitazionali all’espansione dell’universo, e così via, optando alternativamente per la registrazione di una similitudine visiva, per la metafora, per la rilettura ironica, o per la riflessione filosofica ed esistenziale. Il tutto nella convinzione che l’arte, come la fisica, abbia, innanzitutto, la funzione di mostrare ciò che non si vede normalmente, e di riconfigurare le nostre gerarchie del visibile.
L’allestimento della mostra, curato con Caramel da Kevin McManus e Annamaria D’Ambrosio – che hanno anche contribuito, assieme a Paolo Bolpagni, Elena Di Raddo ed Emma Zanella, alla selezione degli artisti – si muove tra leggerezza e profondità di pensiero, tra riflessione minimale ed esplosioni di energia, seguendo una logica rigorosa che, senza scomodare la filosofia del “less is more”, predilige però il respiro ampio dato a ciascuna opera rispetto all’accumulo spesso associato alla dinamica del “premio di arti visive”, nella convinzione che, visto soprattutto il tema, i silenzi non facciano che valorizzare il discorso.

Oltre: nel cosmo, nell’incognito degli universi e dello spaziotempo della contemporaneità. LXVII Premio Michetti, veduta della mostra, Museo Michetti – Palazzo San Domenico, Francavilla al Mare (CH)

Oltre: nel cosmo, nell’incognito degli universi e dello spaziotempo della contemporaneità. LXVII Premio Michetti, veduta della mostra, Museo Michetti – Palazzo San Domenico, Francavilla al Mare (CH)

Vincitori ex-aequo sono Sonya Clark, Lorena Pedemonte Tarodo e Giovanni Sabatini, cui si aggiungono Bruno Di Bello insignito del Premio Michetti alla Carriera, Marica Moro con il Premio Acquisto Ruffini-Pettirosso e la menzione speciale che va ad Alice Pedroletti.
Completano la mostra alcuni lavori appartenenti alla collezione del MuMi, di Maria Lai, Paolo Laudisa, Andy Moses e Walter Valentini.

Oltre: nel cosmo, nell’incognito degli universi e dello spaziotempo della contemporaneità. LXVII Premio Michetti
a cura di Luciano Caramel

Artisti: Francesco Arecco, ARIS, Renato Calaj, Domenico Carella, Enrico Cazzaniga, Sonya Clark, Francesco De Prezzo, Bruno Di Bello, Nicola Evangelisti, Raul Gabriel, Cesare Galluzzo, Albano Morandi, Marica Moro, August Muth, Giancarlo Norese, Mattia Novello, Giovanni Padovese, Piero Paladini, Lorena Pedemonte Tarodo, Francesco Pedrini, Alice Pedroletti, Gian Paolo Roffi, Alessandro Rosa, Giovanni Sabatini, Valdi Spagnulo, Dora Tass, Alessandro Traina, Davide Tranchina, Maria Wasilewska

23 luglio – 31 agosto 2016

Museo Michetti – Palazzo San Domenico
piazza San Domenico 1, Francavilla al Mare (CH)

Orari: da martedì a domenica 18.00-23.00; lunedì chiuso

Info: www.fondazionemichetti.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •