Ti sarà inviata una password per E-mail
AOSTA | Centro Saint-Bénin | 12 dicembre 2014 – 31 gennaio 2015

Alessandro Mendini. Empatie. Un viaggio da Proust a Cattelan è la mostra che ha inaugurato lo scorso venerdì al Centro Saint-Bénin di Aosta, in cui si celebra il genio estroso del noto architetto e designer milanese.
Alessandro Mendini, Poltrona di Proust, 1978, poltrona dipinta a mano, 100x100x100 cm, Collezione privataCon un allestimento scenografico e coinvolgente, pensato dallo stesso Atelier Mendini, nella navata centrale dell’ex-chiesa sconsacrata si distribuiscono oltre 80 opere che, presenti dipinti, disegni, progetti, sculture, mobili, oggetti d’arredo creati, dall’inizio degli anni settanta sino a oggi, si racconta la ricerca di Mendini, celebrata a livello internazionale, offrendo spunti e collegamenti con quelle presenze che ne hanno influenzato le idee dai grandi maestri della letteratura a quelli dell’arte, senza dimenticare, ovviamente, i protagonisti del design. La mostra, quindi, con contaminazione incontri, racconta una storia quasi romanzesca in cui non mancano dialoghi con personalità come Marcel Proust, Ettore Sottsass, Kazimir Malevich, Alberto Savinio, Frank Stella e Maurizio Cattelan, tutti autori che Mendini stesso riconosce come parti fondamentali del suo processo creativo.
Dice il curatore della mostra, il critico Alberto Fiz:

“Mendini, nella costruzione della sua famiglia allargata, riflette con ironia e leggerezza sugli stili creando un universo integrato dove Stella va a braccetto con Cattelan, Malevich conversa con Savinio, mentre Proust e Sottsass giocano con gli alfabeti. Non ci sono veti o divieti in un progetto dove l’unico comune denominatore è rappresentato dalle continue disseminazioni del grande burattinaio che ogni volta si sviluppa in una differente forma di empatia.”

Questa eccezionale esposizione raccoglie, nella suggestiva cornice dello spazio valdostano, un insieme assai ampio di suggestioni che, da considerazioni e visioni differenti, trovano in Mendini un epicentro capace di restituirle sempre in modo autentico e personale, in cui riesce a leggere con attenzione la propria storia e il proprio tempo in forme ed esiti unici, che dichiarano uno sguardo e un pensiero capaci di superare la semplice oggettualità dell’opera.
L’esposizione è accompagnata da un pregevole catalogo monografico che, in italiano e francese, si completa di un’ampia selezione di immagini e un ricco repertorio di interventi e saggi critici.

Alessandro Mendini. Empatie. Un viaggio da Proust a Cattelan
a cura di Alberto Fiz
realizzata da Assessorato Istruzione e Cultura della Regione autonoma Valle d’Aosta
in collaborazione con l’Atelier Mendini
con la performance Costume per Donna e Arpa (il giorno dell’inaugurazione)
catalogo con testi di Andrea Branzi, Germano Celant, Alberto Fiz, Daria Jorioz e Alessandro Mendini 

13 dicembre 2014 – 26 aprile 2015

Centro Saint-Bénin
Via Festaz 27, Aosta

Orari: tutti i giorni 9.30-12.30 e 14.30-18.30; aperto 25, 26 dicembre 2014 e 1, 5 e 6 gennaio 2015; chiuso il lunedì
Ingresso intero €6.00; ridotto €4.00; gratuito under 18 

Info: +39 0165 272687
u-mostre@regione.vda.it
www.regione.vda.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi