Ti sarà inviata una password per E-mail

Fermare sulla tela attraverso la pittura un momento, per natura fuggevole, è quanto di più affascinante a cui lo sguardo dell’uomo possa tendere. L’opera di Antonella Cinelli parte da questa esigenza osservando semplicemente chi gli sta’ attorno, afferrandone le complessità. Uomo vs uomo in mostra da Grafique Art Gallery approfondisce ulteriormente la ricerca dell’artista, giocata sulla soggettività di uno sguardo che non si risolve in un solo ritratto ma ne racconta la sequenza come episodi di un’unica storia…


“Lotta” n.7, 2009, olio e acrilico su tela, cm 30×40

Chi ritrai in Uomo vs uomo?
Premetto che lavoro solo ed esclusivamente su persone a me vicine e infatti si tratta di una coppia di miei amici. Il lavoro è nato dalla loro richiesta di farsi ritrarre. Le dinamiche del loro rapporto di coppia e la complessità della loro storia sono state l’ispirazione per intessere il mio racconto.

I soggetti, ritratti con esattezza mimetica, sembrano emergere dal buio di uno sfondo nero monocromo che li astrae da qualsiasi contesto…
Non mi interessa descrivere ambientazioni ma solo raccontare le persone e al massimo il rapporto con gli oggetti più prossimi. Inoltre, ritengo che eliminando qualunque riferimento al contesto si lasci più spazio alla possibilità di immedesimazione da parte dell’osservatore.

A cosa corrisponde la tua esigenza di sviluppare il lavoro nell’estensione di una serie pittorica?
Come ho già accennato tutto parte dalla necessità di raccontare chi mi circonda e non tutto può esaurirsi in un ritratto.
C’è l’esigenza di fermare la complessità della persona, la bellezza sfuggente ed imperfetta di ognuno. Per me diventa quasi una catalogazione di tutto ciò che in un soggetto attrae la mia attenzione, in un disperato tentativo di fermare qualcosa che è per sua natura in costante mutamento.
Lo sguardo attraverso la pittura mi aiuta a fermare ciò che vedo, guardo e trasporto su tela. Ciò che vedo o che voglio vedere con tutti i limiti di una selezione volontaria ed involontaria. Il realismo nasconde la soggettività del mio sguardo ed è propio questa caratteristica che più mi interessa, come d’altra parte è ciò che chiedo io stessa da fruitrice alla pittura figurativa.

La mostra in breve:
Antonella Cinelli. Uomo vs uomo
Angela Memola Grafique Art Gallery
via Ferrarese 57, Bologna
Info: +39 051 363880
www.grafique.it
12 dicembre – 22 gennaio 2010
Inaugurazione sabato 12 dicembre 2009 ore 18.00

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi