Ti sarà inviata una password per E-mail
TREVIGLIO (BG) | Spazio Sanpaolo Invest Fino a gennaio 2016

di MATTEO GALBIATI 

Dopo il successo riscontrato nell’ambito del Premio d’arte “Città di Treviglio” e Concorso Giovani Talenti, di cui si sono aggiudicati la terza edizione lo scorso anno, gli artisti Christian Fogarolli (1983) e Andrea Magaraggia (1984) quest’anno, come prevede lo statuto del premio biennale, hanno proposto il loro lavoro in due mostre personali che si sono tenute rispettivamente nello Spazio menouno (per Fogarolli vincitore del primo premio offerto dal Comune di Treviglio) e nello Spazio Sanpaolo Invest (per Magaraggia vincitore del Premio Sanpaolo Invest), a queste si è aggiunta una doppia installazione site-specific negli ambienti recentemente restaurati della Torre Civica Campanaria, divenuta di recente sede del Museo Storico Verticale.
A seguito del successo di pubblico riscontrato le due esposizioni prolungano nel mese di gennaio la propria apertura riunendosi nello Spazio Sanpaolo Invest che, ri-allestiti i suoi ambienti, accoglie gli interventi di entrambi gli artisti.

Christian Fogarolli, Instead of God, 2015, legno, insetti, metallo, 60x80x8 cm (dettaglio)

Con Esoscheletro Fogarolli apre allo sguardo dello spettatore una pronunciata e conturbante prospettiva di sintesi sulla ricerca che l’ha visto impegnato nel corso dell’ultimo anno: l’artista propone alcuni interventi installativi e fotografici in cui, con una potente e leggera poesia fondata su elementi minimi, riflette su grandi concetti come quello della perdita e del recupero, sia fisici che immateriali, osservati secondo un’ottica umana, animale e vegetale.
I tre universi del mondo vivente, su cui si concentra Fogarolli, trovano nuove dinamiche percettive che aprono affascinanti narrazioni grazie al ricorso di media differenti: l’artista, infatti, pone in bilico la prassi del suo fare tra processi scientifici e visioni fantastiche, tra logiche rigorose e procedimenti alchemici, tra procedure determinate e suggestioni magiche.
Chi osserva il suo lavoro pare immergersi in discipline diverse che attraversano gli orizzonti di saperi e conoscenze impegnati in campi differenti come l’archeologia, l’etnologia, l’antropologia, la botanica o la zoologia.
Con Musica per organi caldi il giovane vicentino Andrea Magaraggia ci avvolge con una serie di grandi lavori scultorei che – tutti di recente realizzazione – presentano una dinamica instabile, tutta interna al materiale che, quiescente, sembra doversi animare ed espandere nell’ambiente, allargando e ingrandendo le proprie dimensioni.

Andrea Magaraggia, L'ordine spontaneo, 2014, poliuretano, resina, ferro, 150x200x150 cm

L’artista resta attento a sondare proprio le forze e le potenzialità dei materiali che, scelti con cura, sottolineano la loro tensione evolvente: la natura stessa delle sostanze accosta materie di origini e nature diverse che, per l’artista, sono il pretesto costitutivo per verificare le reattività di cui sono intrinsecamente capaci.
Il legno, a volte combusto, e il metallo si contaminano con il poliuretano, sostanza chimica artificiale, che assume forme non sempre controllabili e indirizzabili dall’artista; del resto questo aspetto rappresenta il punto centrale della sua poetica che vede l’opera muoversi e animarsi nello spazio.
Negli affascinanti ambienti dello spazio espositivo trevigliese, infatti, queste opere chiariscono la loro intenzione di coinvolgere l’ambiente che le ospita, attivandolo direttamente con la loro presenza e senza lasciarlo relegato al ruolo di quinta, di sfondo passivo. Osservare questi corpi guida lo sguardo alla scoperta della loro necessità di rendersi attivo, di muoversi, di vincere la staticità immobile della scultura, tutti indizi che, allora, spostano il baricentro dell’osservazione dai contenuti più superficiali ad esigenze e considerazioni vissute e sentite in luoghi remoti e più interiori di quelli cui la nostra vista è solita soffermarsi. 

Christian Fogarolli. Esoscheletro
a cura di Sara Fontana
catalogo con testi di Sara Fontana e Stefano Raimondi 

e

Andrea Magaraggia. Musica per organi caldi
a cura di Sara Fontana
catalogo con testi di Alessandro Castiglioni, Sara Fontana e Lorena Giuranna
entrambe le mostre dell’ambito del Premio d’arte “Città di Treviglio” (premio su invito) e Concorso Giovani Talenti (su selezione e riservato ad artisti under 35) 

Fino a gennaio 2016

Spazio Sanpaolo Invest
via Cavallotti 31B, Treviglio (BG) 

Orari: da lunedì a venerdì 10.00-12.00 e 15.00-17.30 o su appuntamento

Info: +39 0363 48160

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi