Ti sarà inviata una password per E-mail
MILANO | Galleria Giovanni Bonelli | 12 gennaio – 24 febbraio 2017

La Galleria Giovanni Bonelli presenta, per la prima volta nei propri spazi, un’ampia antologica dei lavori dell’artista Gianni Pettena, a cura di Marco Scotini, che si concentrerà sull’attività svolta tra il ’68 e la fine degli anni ’70, decennio cruciale per la sperimentazione artistica e sociale in Italia.

Se anni fa Emilio Ambasz scriveva che Gianni Pettena è tra quei protagonisti dell’Architettura Radicale che non hanno ancora avuto il giusto riconoscimento, è vero che oggi si assiste ad una riscoperta internazionale e a un’attenzione del tutto nuova alla figura dell’artista che, per anni, è stata subordinata a quella di critico e di interprete dell’Architettura Radicale.
Proprio per questo la figura e la multiforme attività di Pettena appaiono oggi totalmente inedite e tali da raccogliere in sé tematiche decisive per la contemporaneità, come il rifiuto del lavoro disciplinare, il sabotaggio, l’appropriazione, la performatività dell’urbano e la riscoperta del carattere fisico dei luoghi e del paesaggio naturale. Da qui deriva il titolo della mostra che è tratto da un articolo fondamentale di Pettena uscito sulla rivista “Casabella” nel 1974, risultato dei suoi ripetuti viaggi nel Sud Ovest degli Stati Uniti: dal deserto dello Utah alla Monument Valley.

Gianni Pettena, About non conscious architecture - Monument Valley, cm 120x90

Gianni Pettena, About non conscious architecture – Monument Valley, cm 120×90

L’anno prima, il 1973, era uscito anche il suo libro, ormai leggendario, “L’Anarchitetto” in cui molte sono le affinità con la pratica artistica che, in perfetta sincronia, stava sviluppando Gordon Matta-Clark ma con cui molte sono pure le differenze. Tuttavia, alla base di entrambi c’è l’idea di non costruire ma di operare nel già costruito, lasciandone emergere lo spazio inconscio o inconsapevole che normalmente viene rimosso – così come l’idea dell’architettura e dello spazio quale evento, come performance permanente, che vede il rapporto di Matta-Clark con Trisha Brown e di Pettena con Giuseppe Chiari.

Gianni Pettena, Carabinieri, Novara, Palazzo Comunale, 1968

Gianni Pettena, Carabinieri, Novara, Palazzo Comunale, 1968

Per questo motivo Marco Scotini ha scelto di presentare un’ampia selezione di lavori risalenti alla fine degli anni ’60 e i primi anni ’70, non per sottrarre l’autore alla sua opera successiva di grande valore ma nella convinzione che risale proprio a questo periodo, dell’attività di Pettena, uno dei raggiungimenti cruciali del fare arte ancora tutto da scoprire e da praticare. Nel percorso espositivo saranno presentati molti materiali editi ed inediti realizzati da Pettena con differenti media.
Per l’occasione sarà riallestita al centro della galleria la grande scritta Carabinieri (creata per la prima volta nel 1968) che è uno degli esempi più importanti di intervento spaziale semiotico di quegli anni, in cui è il linguaggio stesso a rivelare il carattere (di cattura e controllo) del contesto, mettendo in evidenza la natura etico-estetica della ricerca radicale di Gianni Pettena.

Gianni Pettena. About Non Conscious Architecture
a cura di Marco Scotini

12 gennaio – 24 febbraio 2017
Inaugurazione: giovedì 12 gennaio, ore 19.00

Galleria Giovanni Bonelli
via Luigi Porro Lambertenghi 6, Milano

Info: +39 02 87246945
info@galleriagiovannibonelli.it
www.galleriagiovannibonelli.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi