Ti sarà inviata una password per E-mail
VOLTERRA (PI) | Sedi varie | 27 giugno – 31 ottobre 2015

A oltre quarant’anni di distanza a Volterra (PI) si torna a rivivere (celebrandola) la straordinaria esperienza – che ha fatto e scritto un brano importantissimo della storia artistica contemporanea – di Volterra 73, esperimento rivoluzionario, voluto da Enrico Crispolti in collaborazione con lo scultore Mino Trafeli, che fece dialogare un’arte ambientale con un contesto urbano, sottolineando il senso e il valore della sua azione creativa.
Nel contesto di una città bellissima e assai particolare, nella storica cornice della “capitale degli Etruschi, quegli artisti hanno saputo integrare nel loro operato il luogo che li accoglieva, non inserendo corpi estranei, ma facendoli assorbire con il coinvolgimento collettivo e con la rispettosa attenzione della storia favorendo, quindi, un incontro che era visto come “rischioso”.

Nino Giammarco, Porta all' Arco, 1973 Foto Damiano Dainelli

Ritorna oggi l’evocazione di quella esperienza che rivive nelle sue diverse e molteplici coordinate spazio-ambientali, con dovute testimonianze fotografiche, mostre documentative e riflessioni, con il riallestimento di alcune delle installazioni con opere che, nelle collocazioni originarie, quarant’anni dopo riportano nella cittadina toscana i grandi protagonisti che l’avevano animata.
Presentata da Augusto Mugellini, presidente della Fondazione Cassa di Riparmio di Volterra che ha interamente supportato e finanziato questo progetto, lo scorso 14 giugno presso l’Auditorium di Palazzo Italia a Expo Milano 2015, la mostra Volterra 73.15 Memoria e prospezione, definita come alter ego contemporaneo di quella dell’estate del ’73, raccoglie l’eredità del grande evento di creatività e artisticità urbana.
Il progetto, che si propone come la re-invenzione di un happening, rimanda ad un’idea di lavoro non concluso, di un work in progress mai completamente interrotto: ecco quindi che Piazza dei Priori rivivrà con i suoi “gonfiabili” l’intervento di “liberalizzazione di uno spazio represso” di Franco Mazzucchelli; alla Fonte di Docciola riaffiornano le comunicazioni “emozionali” di Francesco Somaini che analizza l’incombenza della presenza metropolitana.

Mauro Staccioli, Piramide, 1973 Foto Fabio Fiaschi

Di Mauro Staccioli, artista originario di questi luoghi, si rievoca la sua grande personale “urbana” Sculture in città del 1972 e la più recente Luoghi d’Esperienza del 2009, che ha lasciato opere in permanenza sul territorio.
Altri luoghi di visita sono la Badia Camaldolese e il Museo Consortini, parte dell’itinerario storico di Volterra 73.
Il riassunto documentale della manifestazione storica si raccoglie nel Ridotto e nel Foyer del Teatro Persio Flacco dove si possono ammirare documentazioni filmiche e televisive della RAI, le fotografie documentative di Enrico Cattaneo, di Gianni Berengo Gardin, di Damiano Dainelli, di Fabio Fiaschi e di Dante Ghilli, le opere originali, gli studi e disegni preparatori dei grandi maestri che vi hanno preso parte.
Nelle Sale Leonardo della sede della Fondazione Cassa di Riparmio di Volterra trovano posto le sculture di quegli anni di Mino Trafeli unite a “videosculture” degli anni Settanta-Ottanta e disegni dei Duemila. Curato da Studio Dumase un video ripropone l’intensa intervista-dialogo tra Trafeli e Crispolti. Sempre gli ambienti della Fondazione accolgono anche i lavori successivi di Licio Isolani, tra i più giovani artisti di Volterra 73.

Volterra 73.15 Memoria e prospezione
coordinamento storico-critico Enrico Crispolti, Anna Mazzanti
organizzazione Sergio Borghesi
progettazione e allestimento Valerio Di Pasquale, Luciano Picchi
segreteria organizzativa
 Fondazione Cassa di Riparmio di Volterra
finanziato interamente da Fondazione Cassa di Riparmio di Volterra
all’interno del progetto PGM 2015 Toscana ‘900
con il patrocinio del Comune di Volterra
in collaborazione con Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per le Province di Pisa e Livorno; Accademia  dei Riuniti, Volterra; Curia Vescovile, Volterra; Casa Museo Consortini, Volterra
monografia scientifica De Luca Editori d’arte, Roma 

27 giugno – 31 ottobre 2015
Inaugurazione sabato 27 giugno

ore 10.00
Inaugurazione ufficiale alla presenza delle autorità e degli artisti, Centro Studi Santa Maria Maddalena (via Persio Flacco 2, Volterra) e visita alle opere di Mino Trafeli e Licio Isolani; segue la performance
con sculture gonfiabili di Franco Mazzucchelli, Piazza dei Priori

ore 12.00
Inaugurazione della mostra documentativa Volterra 73.15 memoria e prospezione
, Ridotto e il Foyer del Teatro Persio Flacco (via dei Sarti 37)


ore 13.00
Buffet

ore 14.30
Bus navetta da Piazza Martiri della Libertà per la visita all’installazione di Francesco Somaini presso le Fonti di Docciola, al Museo Consortini in Borgo Santo Stefano e prosecuzione presso Badia Camaldolese per la visita alle opere di Mauro Staccioli

Sedi varie
Volterra (PI)
 

Orari Casa Museo Consortini: tutti i sabati e le domeniche e festivi 15.00-19.00; eventuali aperture feriali saranno possibili con preavviso di almeno due giorni contattando il numero +39 0588 88242

Info: Fondazione Cassa di Riparmio di Volterra
+ 0588 80329 (4)
info@fondazionecrvolterra.it
www.fondazionecrvolterra.it 

Sergio Borghesi
+39 339 5851268

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi