Ti sarà inviata una password per E-mail
VICENZA | Valmore studio d’arte | 19 aprile – 14 giugno 2013

di MATTEO GALBIATI

In linea con le scelte della galleria, che privilegia soprattutto un lavoro di analisi e proposta dell’arte italiana degli anni ’60 e ’70 impegnandosi specialmente su proposte legate alle ricerche degli artisti cinetico-visuali, la mostra presentata da Valmore guarda all’altra tendenza, in seno a quegli anni, che vede molti artisti indagare il valore analitico della pittura. Sebbene abbiano condotto ricerche differenti, tanto nel mezzo quanto nella sensibilità, molti di questi artisti hanno condiviso un comune sentire che riponeva fiducia e valore nella voce della pittura, in una fase storica in cui questa pareva essere definitivamente condannata all’oblio.

Attraverso cinque indiscussi protagonisti di quella stagione – Cotani, Guarneri, Marchegiani, Verna e Zappettini si suggerisce al pubblico come la loro intenzione volesse orientarsi verso un’opera che, rivendicando con forza la propria matrice pittorica, sottolineasse il valore ancora determinante di questo mezzo. La loro indagine, autonomamente svolta, cercava – e cerca – di sviluppare le problematiche in ordine di linguaggio – e sue modalità operative e realizzative – tese ad un radicale rinnovamento del repertorio rappresentativo in opposizione alle nuove tendenze allora emergenti. La loro idea muove, quindi, ad una rifondazione radicale del presupposto stesso del fare pittura: concentrati su un’auto-analisi delle matrici fondamentali del dipingere, individuano nella tensione del nuovo modo di rappresentazione e dei conseguenti inediti contenuti messi in evidenza la chiave di volta del processo di cambiamento da loro messo in atto. La pittura analitica ha voluto svincolarsi dal desiderio di rappresentare la fisicità delle cose e dal misurarsi su problematiche poste in ordine di spazio, per porsi invece come fenomeno che accade e diviene nel tempo.
Ciascuno di questi artisti ha liberato la pittura da vincoli rappresentativi e, orientandola all’esclusione dell’arbitrarietà di visioni soggettive, ha costruito una definizione di intrinseca e logica compostezza sintattica del colore nella sua grammatica originaria. Naturalmente pittorica.

La linea analitica dell’arte. Pittura Analitica

Artisti: Paolo Cotani, Riccardo Guarneri, Elio Marchegiani, Claudio Verna, Gianfranco Zappettini

19 aprile – 14 giugno 2013

Valmore studio d’arte
Contrà Porta S. Croce 14, Vicenza

Orari: lunedì 15.00-17.00; martedì-venerdì 10.30-13.00 e 15.00-18.30; altri giorni su appuntamento
Ingresso libero

Info: +39 0444 322557
arte@valmore.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi