Ti sarà inviata una password per E-mail
CAGLIARI | Palazzo di Città | 24 luglio – 27 settembre 2015

La mostra Il Di/segno del Cinema, inaugurata a Cagliari presso Palazzo di Città, è una straordinaria occasione per incontrare e scoprire l’immaginario creativo, ideativo, spirituale e artistico del cinema italiano attraverso un ricco repertorio di materiali peculiari: i disegni dei grandi registi italiani.

Marco Bellocchio, Funeralino, 1953-1959 ca., olio su tela e faesite,  40x55 cm

Questi lavori sono gli “appunti” di viaggio, i primi segni tangibili delle future creazioni, il luogo dove bloccare le intuizioni, le visioni, impronte lasciate dagli stessi registi – presenti gli emergenti e i nomi affermati – che riportano lo sguardo oltre le pellicole da loro realizzate, toccando l’origine dell’atto creativo, là dove l’arte fa da preludio al cinema. L’insieme di queste opere consegna un ampio affresco del cinema italiano che, per la prima volta in una mostra tanto ampia, concede questo aspetto sconosciuto.

Enrico Pau, Studi per L’Accabadora, 2014-15, tecnica mista su carta e cartoncino

Si racconta il viaggio straordinario che segue l’idea dalla mente alla pellicola finita, passando per il di-segno come sua prima traccia certa: il segno grafico come efficace e sintetico prodromo di quello cinematografico, rappresentazione di come e dove il cinema inizia la sua esistenza.
In mostra sono raccolti pitture, disegni, installazioni, appunti visivi e talvolta perfino gli oggetti necessari ai registi per compiere i loro capolavori su pellicola o, in generale, di affermare una loro poetica personale, il tutto a marcare un valore estetico e narrativo autonomi, testimonianza e patrimonio di un modus operandi che si accosta alla rielaborazione filmica successiva.

Michelangelo Frammartino, Bozzetto per la cineinstallazione “Alberi”,  2013, acquarello e inchiostro su carta, 24x32 cm

La mostra, parte del programma Cagliari Capitale Italiana della Cultura 2015, animerà l’estate del capoluogo sardo proponendo, nella piazza antistante Palazzo di Città, diverse installazioni visive in una sorta di grande, coinvolgente narrazione filmica e promuovendo anche un fitto calendario d’incontri con i registi a dialogare con il pubblico e presentando il loro film. Tra gli appuntamenti si ricordano: Maurizio Nichetti (8 agosto), Franco Piavoli (20 agosto), Enrico Pau (21 agosto), Giovanni Columbu (27 agosto), Stefano Odoardi (28 agosto), Caro Hintermann (3 settembre) e Alberto Fasulo (4 settembre).

Il di/segno del cinema
a cura di Giovanni Columbu, Anna Maria Montaldo, Giona Nazzaro
promossa da Comune di Cagliari, Musei Civici di Cagliari
nell’ambito del programma Cagliari Capitale della Cultura 2015
realizzata in collaborazione con Sardegna Film Commission
con la collaborazione di Istituto Luce Cinecittà
catalogo italiano e inglese con contributi di Bergonzi, Bruni, Causo, Cruciani, De Gaetano, Ermini, Fiorentino, Lanzo, Mancino, Monetti, Nazzaro, Persico, Piccino, Roberti, Spila, Torri 

Lavori di: Marco Bellocchio, Giovanni Columbu, Alberto Fasulo, Michelangelo, Frammartino, Matteo Garrone, Carlo S. Hintermann, Pietro Marcello, Mario Martone, Maurizio Nichetti, Stefano Odoardi, Enrico Pau, Franco Piavoli, Ettore Scola, Paolo e Vittorio Taviani

24 luglio – 27 settembre 2015

Palazzo di Città
piazza Palazzo 6, Cagliari 

Orari: luglio e agosto il giovedì 10.00-24.00; settembre 10.00-21.00; chiuso il lunedì
Ingresso intero €4.00; ridotto €2.50 (scolari e studenti, gruppi di almeno 15 persone); gratuito bambini fino ai 6 anni, adulti oltre i 65 anni, disabili e loro accompagnatori 

Info: +39 070 6776482

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi