Ti sarà inviata una password per E-mail
BONITO (AV) | Convento Francescano di Sant’Antonio | 28 luglio – 31 agosto 2016

Il paese natale di Salvatore Ferragamo, Bonito in provincia di Avellino, ospita presso il centralissimo Convento Francescano di Sant’Antonio l’inedita mostra, intitolata Impronte/2016, con cui si crea un appassionante dialogo tra 5 calzature realizzate dal celebre artigiano-artista tra gli Anni ‘30 e ‘40 del Novecento – scelte tra le più rappresentative della sua produzione – e cinque interventi di arte pubblica realizzati sugli edifici del centro cittadino dagli altrettanti artisti coinvolti nella manifestazione: Tellas, Gola Hundun, Milu Correch, Giulio Vesprini e Millo.
Per la prima volta, quindi, le creazioni del “calzolaio dei sogni” – emigrato nel 1915 negli Stati Uniti dove divenne popolare tra i divi del cinema e rientrato poi in Italia epr creare la sua azienda – sono esposte nel luogo delle sue origini, là dove il giovane Salvatore coltivò i suoi sogni e maturò le prime creazioni.

Tellas, In the Heart of Irpinia, Impronte/2016 Credits Antonio Sena

Tellas, In the Heart of Irpinia, Impronte/2016 Credits Antonio Sena

Ad accomunare i giovani artisti di oggi e Salvatore Ferragamo sono l’intuizioni, l’avere precisi canoni estetici oltre all’inesauribile curiosità e alla sperimentazione, tutti elementi che danno corso ad una bellezza e concezione rivoluzionarie.
Inediti accostamenti di forme e colori resero le sue calzature autentiche opere d’arte che ora hanno colpito gli artisti, i quali ne hanno catturato alcune caratteristiche peculiari.
Gola Hundun ha guardato all’insolita scarpa con punta a corno di rinoceronte del 1938 per ispirare ulteriormente la sua indagine sul mondo animale; il famoso modello di sandalo creato per Judy Garland ha ispirato Millo per i suoi colori accesi con cui crea un contrasto dinamico con il suo meticoloso bianco e nero a tratto grafico. Milu Correch, invece, ha osservato il sandalo a zeppa dipinta a mano con piccoli mazzi di fiori a riprendere il suo lavoro sugli elementi floreali riconducibili all’immagine femminile. Tellas riprende il suo legame con la natura partendo da uno stivaletto in tela dipinta con un motivo di foglie; le visioni geometriche di Giulio Vesprini rimandano al sandalo Diva del 1941 con le sue fasce di camoscio policromo.
All’inaugurazione della mostra, voluta dal Collettivo Boca e dal Comune di Bonito per rendere omaggio all’artigiano-artista bonitese, prenderà parte anche Massimo Ferragamo, Chairman della Ferragamo USA Inc.

Impronte/2016. Cinque artisti a confronto con l’arte di Salvatore Ferragamo
progetto di Collettivo Boca e Comune di Bonito
con l’appoggio di Museo Salvatore Ferragamo
con il contributo di Siem Ceramiche Arredobagno, Bruno Generators, Gruppo Coviello, Gelati Aloha e Grafica Metelliana
partner Ente provinciale del turismo, Loffredo Arredamenti, Bcc di Flumeri, Gruppo Coviello, Tiscanet, Arredogamma, Proloco Bonito, l’Istituto Comprensivo L.V.Cassitto, Forum Giovani Bonito e Imbriano Macchine Agricole 

28 luglio – 31 agosto 2016
Inaugurazione 27 luglio ore 17.00  

Convento di Sant’Antonio
Bonito (AV)  

Orari: tutti i giorni 10.00-13.00 e 17.00-20.00

Info: David Ardito (founder e organizzazione)
+39 338 2830766
hello@collettivoboca.it
www.collettivoboca.it

Salvatore Ferragamo
Giuseppe Poeta (PR Department)
+39 0553 562401
giuseppe.poeta@ferragamo.com
www.ferragamo.com

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi