Ti sarà inviata una password per E-mail
BOLOGNA | Sympò (ex Chiesa di Santa Maria del Buon Pastore) | 25-31 gennaio 2017

Nel grande ambiente dello Spazio Sympò, nell’Ex Chiesa di Santa Maria del Buon Pastore di Bologna, viene presentata, in occasione dell’art week bolognese, Cartoni. Disegni smisurati del ‘900 italiano, una grande mostra che svela la bellezza di ben 20 cartoni di autori di questa stagione artistica italiana che vanno da Mario Sironi a Achille Funi, da Ottone Rosai a Gino Severini, da Adolfo De Carolis a Galileo Chini per citarne solo alcuni.

Achille Funi, Battaglia

Achille Funi, Battaglia

Occasione più unica che rara per vedere raccolti assieme capolavori che, in scala uno a uno, riportano lo schizzo, il progetto, con cui questi maestri – o le maestranze specializzate eventualmente chiamate – avrebbero poi realizzato l’opera finale sia che fosse il quadro o l’affresco, la vetrata o il mosaico: grazie all’ampiezza dello spazio che le accoglie, questa esposizione riesce a presentare tutta l’imponente bellezza di queste opere singolari e ragguardevoli.
Questa ampia collezione viene svelata grazie alla preziosa raccolta, dal taglio mussale riunita dalla Galleria del Laocoonte di Roma che ha voluto costituire questa pinacoteca di disegni “esagerati” per mettere in luce il valore, la bellezza, l’importanza e l’alto livello di questa tecnica comune a molti artisti italiani della prima metà del XX secolo.
Afferma Marco Fabio Apolloni, curatore della mostra con Monica Cardarelli:

“Non deve stupire che nel ‘900 italiano, legato al ritorno alle tecniche di decorazione antiche e tradizionali, sopravvivano questi grandi fogli su cui l’ispirazione dell’artista, già spesa in studi, schizzi, modelli e bozzetti, ha saputo trovare finalmente la vera misura e le linee definitive della forma del proprio lavoro. 
Certo, tracciare sull’intonaco o la tela il disegno è solo il principio dell’opera quando essa è pittura, mentre il cartone per mosaico o arazzo è spesso già colorato dal pittore e dunque “finito” per ciò che lo riguarda.
In ogni caso dopo il cartone è raro che l’artista abbia pentimenti e che dunque vi siano grandi differenze rispetto al risultato definitivo. È dunque il cartone l’ultimo luogo delle incertezze, dei ripensamenti, dei cambiamenti improvvisi in corso d’opera. Sono le cancellature, le correzioni, ciò che rendono il cartone una sorta di sindone di carta di tutta la passione e le sofferenze di un artista nel corso della creazione del proprio capolavoro. È questa qualità del cartone in cui l’opera d’arte e il documento di lavoro si confondono che costituiscono la sua maggiore attrattiva. Se imperturbabile nella sua durevolezza è il buon fresco, brillante il mosaico, splendente la vetrata, il cartone invece non mostra solo gli accidenti occorsi durante la lavorazione, ma il tempo anche lo rende fragile come un antico documento autografo. Da qui la sua preziosità, la reverenza con cui esso va trattato e mostrato.”

Duilio Cambellotti, Studio per rosone del Duomo di Teramo

Duilio Cambellotti, Studio per rosone del Duomo di Teramo

Sono molti e assai diversi gli scopi, le destinazioni e i luoghi delle opere definitive per cui sono nati questi progetti; pure il segno, le ispirazioni, la “mano” che li ha tracciati rendono esclusivi questi disegni, spesso anche all’interno della produzione dell’artista stesso che le ha realizzate, ma certo tra retoriche d’occasione, celebrazione del passato, sviluppo di progettualità decorative, monumenti pubblici, ciascuna testimonianza che si può ricavare da questa mostra accoglie l’ammirazione dello spettatore che qui incontra, con sorpresa e stupore, un “segno” – spesso sconosciuto – di una delle grandi stagioni dell’arte italiana.

Cartoni. Disegni smisurati del ‘900 italiano
mostra a cura di Marco Fabio Apolloni e Monica Cardarelli
catalogo De Luca a cura di Marco Fabio Apolloni e Monica Cardarelli e prefazione di Paola Pallottino

Artisti: Giulio Bargellini, Duilio Cambellotti, Achille Capizzano, Galileo Chini, Adolfo De Carolis, Achille Funi, Publio Morbiducci, Mario Sironi, Gino Severini, Ottone Rosai

25-31 gennaio 2017

Sympò (ex Chiesa di Santa Maria del Buon Pastore)
via delle Lame 83, Bologna

Orario: dal 25 al 31 gennaio 10.00-19.00

Info: Galleria del Laocoonte, Roma
+39 06 68308994
laocoontegallery@libero.it
www.laocoontegalleria.it

Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi