Ti sarà inviata una password per E-mail
PALERMO | Giuseppe Veniero Project | Fino al 15 maggio 2015

di GIUSEPPE ALLETTO

L’atmosfera sacrale che pervade lo spazio di Giuseppe Veniero a Palermo ha di certo colpito l’immaginazione di Michelangelo Galliani che ha scelto la piccola ma preziosa galleria palermitana per mettere in mostra le sue ultime creazioni in questa mostra dal titolo Oratorio dell’inganno.
L’arte di Galliani è fatta di amore per i materiali e ricerca del perfetto equilibrio tra idea e forma. Da sempre sonda, con gli strumenti e i codici della scultura “classica”, i temi del sacro e della spiritualità: il suo percorso non poteva non prevedere una tappa palermitana presso Giuseppe Veniero Project, a due passi dall’Oratorio di S. Lorenzo che ha ospitato fino al 1969, anno del famoso trafugamento, la Natività con i Santi Francesco e Lorenzo del Caravaggio. Gli spazi della galleria ricordano quelli di una piccola cappella e possiedono quell’aura di sospensione metafisica che rendo “sacro” un luogo.

Michelangelo Galliani. Oratorio dell’inganno  28 marzo – 15 maggio 2015  Giuseppe Veniero Project, Palermo

Le sculture di Galliani mettono in scena il senso di smarrimento dell’uomo nei confronti di una dimensione divina e spirituale che si dimostra impossibile da inverare, da qui deriva l’”inganno” del titolo, quell’inganno atroce subito da colui che invoca la divinità ma non riceve risposta alcuna. Simili a preziosi ex-voto, a testimonianze di preghiere inesaudite e senza senso, le sculture di Galliani si presentano sotto forma di piccoli volti marmorei, incastonati quasi come cammei su lastre di piombo.
La zona centrale della sala è occupata da un’installazione, il Tabernacolo pagano, costituita da tre cubi di piombo posti l’uno dentro l’altro. Attraverso dei fori è possibile scorgere, all’interno dei cubi, un cuore di marmo. Una misteriosa reliquia, emblema dell’inesausta tensione al sacro che attraversa l’opera dello scultore di Montecchio Emilia.
Nella parete in fondo alla sala campeggia un volto con un’ala. Una figura angelica che fa da inutile messaggero, da figura mediatrice tra l’uomo e una divinità che appare sempre più distante.

Michelangelo Galliani. Oratorio dell’inganno  28 marzo – 15 maggio 2015  Giuseppe Veniero Project, Palermo

Le figure di Galliani non riescono a superare la barriera costituita dalle fredde superfici di piombo che rendono vani i loro sforzi ed eroica la loro missione. La tensione di queste figure è diretta in senso inverso rispetto a quella delle figure della Sacrestia di S. Lorenzo del Buonarroti: lì le possenti figure michelangiolesche, legate alle candidi superfici marmoree della sagrestia fiorentina, superavano le barriere della dimensione terrena e giungevano, ormai liberate dalla materia, nello spazio cubico vuoto dove venivano spiritualizzate e smaterializzate in una pura luce intellettuale e neoplatonica. Gli angeli-messi di Michelangelo Galliani, al contrario, tentano invano di forzare gli oscuri limiti del mondo profano al fine di scongiurare che, ancora una volta, le preghiere dell’uomo rimangano inascoltate.

Michelangelo Galliani. Oratorio dell’inganno

Giuseppe Veniero Project
Piazza Cassa di Risparmio 21, Palermo

28 marzo – 15 maggio 2015

Orari: da lunedì a sabato 10.30-13.00 e 16.00-20.00; domenica e fuori orario, su appuntamento

Info: +39 333 6066232
info@veniero.it
www.giuseppevenieroproject.com


Condividi su...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di tali cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi